Skype Caffebook

Scienze e Mestieri

Il mosaico continua a crescere e si tinge dei colori francesi!

Il mosaico continua a crescere e si tinge dei colori francesi!

Quando leggerete questo articolo sarò già da due giorni a Thionville in Francia, ospite del Professor Pascal Patat e della moglie Josette Patat.

Per l’occasione hanno organizzato con Maryse De Stefano, presidente dell’UNECB Unione Nazionale des Entreprises Cèramistes du Batiment, la mia partecipazione ad un Congresso a Strasburgo per mostrare il progetto del mio mosaico.

Il mosaico e la Scuola di Formazione Edile di Metz

Questo mi ha portato indietro nel tempo, quando nel 2016 ricevetti una mail dal Prof. Pascal Patat che mi inviava la richiesta di partecipare al progetto con la Scuola di Formazione Edile di Metz di cui era insegnante.

Da quel momento, dopo che Don Santi Chioccioli ha voluto sapere bene i dettagli perché il committente ha sempre il suo potere, abbiamo studiato insieme varie soluzioni che si adattassero alle esigenze scolastiche del gruppo francese.

Avevo proposto la riqualificazione delle colonne interne alla chiesa, il rifacimento del muro oppure la gettata della navata destra di diciassette metri per tre metri e sessanta centimetri.

Ovviamente, dopo una serie di telefonate e mail, Pascal, confrontandosi con la scuola, ha optato per una terza soluzione.

Questa prevedeva: il disfacimento del vecchio pavimento, la rimozione del massetto e l’armatura di tondini a distanza uniforme legati alla rete elettrosaldata che avrebbero ancorato ulteriormente la gettata.

Per noi era un lavoro enorme che avrebbe richiesto un dispendio economico altrettanto enorme considerando le nostre capacità.

Il mosaico continua a crescere

Il mosaico continua a crescere

Il mosaico continua a crescere ragazzi francesi

Il mosaico continua a crescerefoto di gruppo con ragazzi francesi

Cominciammo in marzo un lunedì mattina e di buona lena. Eravamo in dodici e in meno di due ore riuscimmo a smantellare il pavimento e a smaltirlo grazie all’amico Fabrizio Polverini che ci soccorre ogni qualvolta siamo in difficoltà a livello tecnico e logistico.

Il legame epistolare con Pascal durò per mesi. Lui era molto preciso e organizzato e mi inviò, dopo avermi comunicato la data del loro arrivo, una lista di materiali e attrezzatura che gli sarebbero serviti per rendere più semplice il lavoro degli allievi della scuola.

Noi, eravamo tutti in ansia: era la prima volta che ospitavamo un gruppo così grande ed operativo...

Il 25 aprile 2016 arriva alle 9.30 del mattino il mega pulman che attraversa il mosaico per parcheggiare nel piazzale laterale alla chiesa.

Scendono da lì: insegnanti e ragazzi che da subito iniziano a scaricare cassette di mattonelle, mestole, martelli, prototipi di mosaico di cui avevo inviato il disegno colorato e dimensionato. La scuola non solo avrebbe partecipato all’intervento di rifacimento con la gettata dove ha collocato alcuni dei particolari in mosaico già realizzati, ma ne avrebbe eseguiti altri durante la permanenza da noi.

Loro sicuri alla guida di un insegnante doc Pascal Patat oramai esperto e sostenuto per la circostanza dai Prof. Marie-Cécile Vogler, Eric Collet, e noi molto preoccupati di non essere preparati nè a un tale intervento nè all'ospitalità, dal momento che la nostra associazione vive di un volontariato non sempre professionale.

Già mi vergognavo... e quando Pascal mi chiese di mostrargli l’attrezzatura richiesta e il materiale da costruzione mi  sentii morire:

delle sette pale ce n'erano tre, una nuova, una smangiucchiata dalla ruggine l’altra con il manico assemblato e bucata;

delle quattro cariole, ce n'erano tre, una con la gomma sgonfia, l’altra con all’interno una voragine coperta da una mattonella che faceva da piano e l’altra nuova ma dalle sponde troppo larghe, l’unica trovata in offerta;

l'arena aveva una granulometria troppo grossa e la colla per dare lo strato finale liscio era scadente.

Vi assicuro un disastro.


Qui uscì la professionalità e l’intelligenza. Pascal non si spaventò e nè si arrabbiò, anzi si stupì e mi disse: "Andreina, ma come avete fatto in tutti questi anni, il tuo progetto è grandissimo, unico, ma senza materiali e attrezzatura, come avete fatto?"

Io risposi come sempre: volontà, incoscienza, creatività ed improvvisazione nel trovare soluzioni degne con poca spesa sostenute dalla Provvidenza.

Fu una settimana incredibile! C'era chi lavorava alla stesura del cemento, altri eseguivano particolari in mosaico all’interno della chiesa e i vari insegnanti e amici arrivati con Pascal lavoravano alle sedute scultura del Quadrato Magico all’interno del tendone e io... una trottola che correva su e giù.

Wolfango Mugnai, il vivandiere, e Luigi Zampini facevano da jolly occupandosi sia del pranzo giornaliero, di cui abbiamo preso le misure quasi subito, sia aiutando me e Don nella logistica e nella spesa.

Il primo giorno, dopo il pranzo per trentacinque persone, ci rendemmo conto che l’antipasto, il secondo, il contorno, il dolce e il caffè abbinati ai tre chili di pasta che avevamo preparato non sarebbero stati sufficienti, perché i ragazzi così giovani… hanno una fame! Quindi dal secondo giorno in poi fioccarono sacchetti di pasta da cinque chili come coriandoli.

Tutto era organizzato: turni di lavoro, orari e a fine giornata, prima del loro rientro in albergo ad Arezzo, si cimentavano nel riordinare accuratamente la postazione di lavoro.

Eravamo veramente soddisfatti dell’ottimo lavoro svolto e della professionalità degli insegnanti che si erano adattati ad ogni imprevisto tecnico e con amicizia e affetto avevano seguito i ragazzi molto educati e tenuti sotto controllo dimostrando un legame di rispetto reciproco che ci aveva reso il compito molto semplice.

Uno dei tanti aneddoti che ricordo con grande emozione che stabilì un vero legame di partecipazione al nostro progetto si svolse un pomeriggio. Da allora mi arrivano, di tanto in tanto, dei saluti da parte dei ragazzi su facebook nonostante sia passato più di un anno.

Mentre riordinavano ripulendo il pavimento dai detriti delle tessere spezzate, venivano buttati via mattonelle di dimensioni e colori importanti per me.

Purtroppo io vivo giornalmente le difficoltà economiche e la mancanza di materiali per cui mi sono adattata a tutto, cambiando spesso idea a seconda del materiale, così andai a cercare tra i rifiuti di recuperare dei pezzi delle mattonelle arancioni e rosse.

Questo fece sorridere il gruppo dei giovani, ma io non riuscivo a comprendere tutto perfettamente perché non conosco bene il francese.

I loro sorrisini non mi piacquero, quindi la mattina dopo chiesi a Pascal, prima dell’inizio dei lavori, di riunire i ragazzi per poter spiegare i miei vent'anni di vita dentro la mia chiesa dedicata alla Discesa dello Spirito Santo.

Volevo raccontare le condizioni in cui avevo lavorato con fatica e che quando manca la strumentazione devi adattarti con quello che hai a disposizione. Tutto, in queste condizioni, diventa difficile e faticoso e mette alla prova le tue risorse più nascoste.

La creatività diventa ballerina prima frustrata poi stimolata all’ennesima potenza.

I ragazzi credo che avessero pensato al mio intervento come ad una delle classiche lezioni, ma dopo averlo ascoltato, compresero e fu evidente la loro ammirazione per tutto quello che avevamo realizzato. Fecero un applauso e tornarono al lavoro. Fu un lavoro importante che lasciò a noi, per umanità e prestazione d’opera, una traccia indelebile.

Da quel giorno non fu più un progetto lavorativo relativo a una formazione professionale ma un legame che ci ha uniti per sempre, perché c’è la loro opera, il ricordo dei momenti di gioco. La premiazione finale, l’ultima sera, sancì la nostra amicizia con dei piccoli ricordi di ringraziamento: una mattonella del vecchio pavimento con sopra incisa la data e la motivazione, una maglietta e delle cartoline da spedire del mosaico accompagnato da lacrime vere di amicizia.

Pascal e Josette ci raggiunsero dopo pochi mesi per l’inaugurazione dello stato di avanzamento dei lavoro nell’ottobre 2016, e ora sono io a raggiungerli a casa loro, perché hano sentito l’esigenza di aiutarmi parlando di questa storia nel loro Paese. Sperano con noi di vedere che questa opera poco ascoltata in Italia trovi dei nuovi sostenitori che la amino come la amiamo tutti noi che ne abbiamo vissuta una parte, ognuno con la propria sensibilità.

Tanto era accorato il sentimento che ci aveva unito in questa avventura che alla loro partenza ci regalarono del materiale avanzato che la scuola gli aveva fornito per terminare i lavori in loco.

Gli articoli dei giornali che hanno annunciato la notizia del loro intervento iniziano così:

Il mosaico continua a crescere e si tinge dei colori francesi! 

La classe di quattordici ragazzi provenienti dalla Francia decidono di vivere un'esperienza educativa presso il Mosaico di Indicatore. Direttamente dal Centre de Formation d’Apprentis du Bâtiment et des Travaux Publics di Montigny les Metz (Scuola di Formazione Edile di Metz) questi ragazzi hanno dato il proprio contributo per la realizzazione del Mosaico.

Aiutando il lavoro dell'artista Andreina, hanno realizzato la gettata e alcuni particolari del mosaico nel pavimento della navata destra all'interno della Chiesa di Indicatore, Arezzo Italia, e mosaicato alcune sculture che faranno parte del Quadrato Magico posto sul sagrato".

Queste foto mostrano i tanti piccoli momenti di condivisione e di lavoro vissuti assieme a questi ragazzi durante il loro soggiorno. Sono stati giorni stupendi dove ognuno ha dato il proprio contributo e dove ognuno ha lasciato il suo segno nell'opera. Un'esperienza internazionale di cooperazione e di condivisione che vi invitiamo a condividere. Ringraziamo tutti i partecipanti della Scuola di Formazione Edile di Metz (Centre de Formation d’Apprentis du Bâtiment et des Travaux Publics di Montigny les Metz):

"Pascal Patat, Marie-Cécile Vogler, Eric Collet, Carolina Zanelli maestra mosaicista della scuola Mosaicisti del Friuli di Spilimbergo, i mosaicisti Mendeni Lino, Jean Paul Delgrange, Bernadette Delgrange e Josette Patat, Josè Abruzzo, Quentin Cosemans, Laurent Di Stephano, Rèmy Dieudonne, Anthony Dresch, Steve Feld, Jean-Francois Kouakou, Nicolas Lacour, Thomas Penot, Quentin Sini, Guillaume Sprunk, Patrick Tambour, Simon Wagenheim, Dimitri Turko.

Tutti questi ragazzi un giorno torneranno ad Indicatore da adulti con i loro figli o nipoti e diranno: qui ci sono anche io!

Cari lettori augurandovi una buona settimana vi aspetto di nuovo con il racconto che vede me nella nuova avventura francese, con Pascal e Josette che già mi aspettano all’aeroporto anche se devo ancora partire…

Io che scrivo e devo terminare le ultime cose mentre Pascal mi chiama perché il programma della mia permanenza è gia pronto in ogni dettaglio, degno del migliore degli organizzatori…

Dovete sapere, inoltre, che entrambi si sono occupati della traduzione dei sottotitoli e del doppiaggio audio nelle due versioni del documentario intitolato “The Vision” diretto da Laura Santelli proiettato al congresso, la traduzione dei flayer e del pdf che descrive la nostra storia, quella del Mosaico di Andreina dal 1997 ad oggi.

Veramente dei grandi amici che non vedo l’ora di rivedere... che la mattina dell’inaugurazione, in ottobre, quando ci svegliammo, ed eravamo in casa mia, mi chiesero: Andreina cosa desideri per colazione?

Con questo concludo… ma da qui si capisce di cosa vi sto parlando!
Un abbraccio, a presto!


Andreina Giorgia Carpenito

Andreina Giorgia Carpenito

Artista, ha realizzato opere di grandi dimensioni a vetrate, dipinti, bassorilievi policromi, sculture e il più grande mosaico del mondo!

I suoi Articoli        Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

Devi effettuare il login per inviare commenti