Skype Caffebook

Scienze e Mestieri

Musica, emozioni e arte dal mondo del silenzio

Musica, emozioni e arte dal mondo del silenzio

Oggi 17 giugno, dopo che il gruppo non udenti portato in visita dalla mia amica Enrica Cappietti è andato via, ho sentito la necessità di fermare questo momento scrivendo.

Dovete sapere che conosco Enrica da quando era piccolina.

Ho vissuto attraverso i suoi racconti la sua vita, con emozioni belle e meno belle, ma sempre con l’affetto profondo che ci lega.

Lei tende a sottolineare che è sorda e questo ha reso anche a me il compito molto più facile, perché la mia curiosità di entrare nel suo mondo è stata appagata. Il riguardo, la sensibilità, il pudore psicologico nell’affrontare certi temi è solo nostro.

Molte volte pensa che esageri quando le dico che è meravigliosa, invece l’ho sempre stimata molto per la sua volontà che con l’aiuto della famiglia l'ha resa una vera donna, di gran cuore, ma, soprattutto, sopraffina nell’intelligenza e nella curiosità.

Quando parla di curiosità specifica sempre che mancandole un senso ha sviluppato gli altri dando per scontato che questo debba essere così quando secondo me non lo è.

È lei che è particolarmente speciale per me.


Negli anni mi ha sempre aiutato, ha seguito le opere che ho realizzato alla chiesa di Indicatore, Arezzo, Toscana , Italia, con grande interesse nelle varie fasi, chiedendo sempre il perché e come si realizzano:

non lascia mai niente al caso, e si impegna così tanto che riesce sempre a cimentarsi bene in tecniche diverse e con grande cura da autodidatta.

Apprende al volo e con minuzia e attenzione esegue tutto quello che le chiedo.

Anche nel mosaico si è rivelata molto precisa e attenta ai dettagli.

Addirittura nei momenti di difficoltà, in prossimità di un’inaugurazione o di un problema dettato dal tempo ha preso giorni di ferie dal lavoro per venire a dare una mano.

Cosa dire… una vera amica, di quelle fedeli che ti chiede come stai e che ti segue.

Per il crowdfunding terminato da un giorno ha dato il meglio di sè. Mi ha aiutata negli eventi, coinvolgendo anche la famiglia e ha organizzato questa visita con amici provenienti da Firenze e Arezzo: un cicerone Doc!

Settimane prima si era presa appunti tecnici e teologici sulle opere e sulla nostra storia per dare informazioni corrette; ha realizzato filmati dove spiegava nel linguaggio Lis perché era importante venire da noi, perché era importante diffondere questo messaggio di amore attraverso l’arte e altrettanto importante era trovare il sistema, ognuno a modo suo, di aiutarci.

Quando è arrivata oggi pomeriggio era affannata e accaldata. Aveva preparato l’aperitivo con stuzzichini salati e dolci, bibite e tanto altro per accogliere i suoi amici. Mi ha aiutata a preparare il piccolo buffet, ad allestire il banchino della gadgettistica da proporre agli ospiti per recuperare le spese e, inoltre, preoccupata per me sapendomi reduce da una settimana d’inferno, mi ha sollevato da ogni fatica facendo tutto lei.

Ha accolto il gruppo lo ha accompagnato in Chiesa, ha mostrato le opere, ha risposto a tutte le la domande, ha dato il tempo necessario per far capire il tipo di materiale che usiamo e, come donatrice in prestazione d’opera al mosaico, ha fornito dati tecnici.

Dopo la visita interna alla Chiesa ha accompagnato il gruppo sul sagrato in mosaico, abbiamo fatto le foto e, con grande disinvoltura e attenta ai tempi tecnici, ha accompagnato tutti nella stanza del buffet, accogliendoli come una buona padrona di casa: l’ho guardata con vera ammirazione e rispetto.

Ha spiegato che era giusto contribuire e gli ha mostrato il progetto “MOSAICHIAMOCI Artisti per Sempre”, iniziato da pochi giorni e da noi legato alla campagna di crowdfunding.

Siamo riusciti, in quarantaquattro giorni in collaborazione con la Fondazione Il Cuore si Scioglie partnership al cinquanta percento, a raccogliere una cifra di 11.725 euro grazie al contributo di trecentosessantotto donatori: un vero successo per me che non avevo mai chiesto denaro, ma solo materiali per la realizzazione del mio mosaico.

Enrica ha promosso, in questa circostanza, il progetto per far partecipare i suoi amici ai laboratori:

di Musica di Ukulele e Cajon diretti dal Maestro Massimo Nasorri, i miei di Pittura e Mosaico, Computer con Marco Grosso, Scultura con lo scultore Borja Blanco Cochon, Riciclo Creativo diretto da Sabrina Gosti, Lingua Spagnola per bambini e diversamente abili condotta da Luigi Zampini e Coltivazione Botanica insegnata dal nostro Madalin.

I ragazzi hanno da subito dichiarato il loro interesse promettendo di partecipare.

Una ragazza del gruppo durante la conversazione ci ha messo al corrente della sua passione per la danza e la musica sperimentata nei primi anni di vita. Subito le ho presentato il nostro Maestro Massimo Nasorri mentre, con tanto di cuffie, arrangiava un pezzo per il gruppo Musaika che suona per noi agli eventi: è una delle sezioni nate e legate al mio mosaico.

Dopo le presentazioni improvvisamente la vedo illuminarsi: aveva visto il basso di Massimo. Quasi subito lo imbraccia, lo appoggia al petto e inizia a suonarlo.

Massimo le ha mostrato l’Ukulele e poi il Cajon, e lei, non ha resistito e ha provato anche gli altri due strumenti intonando delle canzoni di musica leggera italiana. Mentre si esibiva teneva chiusi gli occhi e con grande trasporto ci ha permesso di entrare nel suo mondo, fatto di movenze morbide, vissute con grande passione e sentimento: la musica aveva preso corpo, anima e movimento.

Dopo due secondi già piangevo e le lacrime mi uscivano da sotto le lenti degli occhiali da sole.

Come è possibile che una persona che non sente dalla nascita riesca a cantare intonata seguendo le vibrazioni del suono?

Per me è stata un’emozione grandissima che mi ha suggerito quale potrebbe essere un altro percorso da seguire aiutata da Massimo oramai navigato nella musicoterapia.

Mi spiegava, dopo essersi esibita, di percepire le vibrazioni del suono dal pavimento, dal petto che accoglieva l’ukulele o dal suo corpo seduto sul Cajon: ero sbigottita! Le lacrime non smettevano di sgorgare, mi stavo vergognando di me stessa ma era più forte di me. Un vero miracolo della natura!

Mi chiedevo come fosse possibile. Ho provato a tapparmi le orecchie e ad immaginare nel silenzio, mi sentivo sbandare e quando ho provato a parlare mi sentivo, ma lei no, non poteva sentirsi. Non riuscivo a comprendere come era possibile che riuscisse a modulare la voce, ad alzarne il tono o ad abbassarlo a seconda del motivo, mi è stato spiegato tecnicamente, ma ugualmente non riuscivo a capire.

In quel momento ho apprezzato quanto fosse importante per me vivere questo momento per comprendere la meraviglia di questo mondo a noi sconosciuto. L’importanza che hanno le discipline artistiche nel permettere a tutti di potersi esprimere nella propria interezza facendo scoprire aspetti a noi nascosti, ma, soprattutto, quanto sia importante la spontaneità di poterlo fare e di vederlo negli altri.

In lei in quel momento ho letto l’essenza della libertà nelle emozioni più profonde!

Senza fiato e con ancora negli occhi queste bellissime immagini, finiamo la serata e ci salutiamo con la promessa di rivederci presto.

Di corsa vado a trovare la nostra amica donatrice Paola Sciarri ad Arezzo, nella sua bella mansarda colorata al quarto piano, che da angelo telefonico del pronto soccorso si è trasformata nella fata dei bijoux.

Dopo essersi rotta una gamba un mese fa si è dedicata anima e corpo per ammazzare il tempo alla realizzazione di piccoli gioielli, cornici, e tanto altro in mosaico.

Un’altra delle meraviglie di questa opera in mosaico che porto avanti da oltre venti anni è che da quattro anni, da quando ho fatto richiesta in prestazione d’opera gratuita, mi ha dato la possibilità di conoscere tante persone speciali.

Emozione e arte materiale per anelli

Emozione e arte, materiale per anelli

Paola con precisione e tanto garbo ci ha aiutato sostenendoci e contribuendo anche lei al crowdfunding e realizzando queste piccole opere dove si è cimentata con grande impegno per poterle vendere durante la raccolta fondi. Dopo un po' di chiacchere torno a casa ed eccomi qua davanti al computer a raccontarvi la mia giornata.

Dovete sapere che non basterà la mia vita futura e gli articoli settimanali per raccontare avvenimenti e descrivere conoscenze, perché tante sono quelle di cui dovrei parlare che aspettano una loro comparsa ma altrettante sono quelle giornaliere, quindi è sempre difficile dare una priorità, ma ci sarà tempo per tutti.
Vi saluto e ringrazio per l’attenzione e augurandovi una felice settimana. Vi do appuntamento a giovedì prossimo con un articolo che varcherà le nostre frontiere.

Mosaichiamoci con Anelli in mosaico.

Al laboratorio di mosaico del progetto Mosaichiamoci condotto da me nella prima lezione abbiamo realizzato degli anelli con cassetta vuota che permettono l’inserimento di smalti, cabochon in vetro, in plastica o tanto altro.

Io ho a disposizione, grazie alla donazione dell’amica Maria de Cataldo, delle tessere di smalto per mosaico di varie tinte. Precedentemente abbiamo, con una pinza a rotelle al widia, preparato il materiale tagliando gli smalti a pezzi piccoli irregolari per spessore ma regolari per forma che collocheremo all’interno della cassetta quadrata saldata al cerchio dell’anello.

Dopo aver consegnato pinzette per posizionare le tessere per il micromosaico nell'anello, ho infilato gli anelli in una spugna da fiorai per farli stare in piano. A questo punto distribuiamo uniformemente nella cassetta della resina bicomponente trasparente acquistabile in negozi di belle arti che farà da collante alle tessere rendendole resistenti all’acqua e lascerà intravedere delle piccole fessure del fondo in metallo che lo stucco tradizionale soffocherebbe.

Posizioniamo le tessere negli anelli per comporre il mosaico, stando attenti a non sporcarle con la resina. Terminato il nostro mosaico nell'anello si passa alla chiusura delle fughe con frammenti piccolissimi che danno un aspetto compatto alla composizione creativa. Dobbiamo stare sempre attenti a mantenerle in piano perché la resina non coli dai bordi.

Per una perfetta asciugatura dobbiamo aspettare due giorni e il nostro bijoux, un bellissimo anello in mosaico, sarà pronto da indossare.


  22  Giu  2017 ,
Andreina Giorgia Carpenito

Andreina Giorgia Carpenito

Artista, ha realizzato opere di grandi dimensioni a vetrate, dipinti, bassorilievi policromi, sculture e il più grande mosaico del mondo!

I suoi Articoli        Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

Devi effettuare il login per inviare commenti