Skype Caffebook

Scienze e Mestieri

Foto-grafia di Francesca Woodman

Foto-grafia di Francesca Woodman

Biografia breve di Francesca Woodman:

Io da piccola leggevo sempre al contrario e adesso sono un po' così... Contraria” (Francesca Woodman)

Una delle fotografe più interessanti della storia, nasce nel 1958 a Denver in una famiglia di artisti: il padre George è un pittore e la madre Betty una ceramista. La Woodman scopre la magia dello “scatto” molto giovane. Il primo è a se stessa eseguito a 13 anni:

Francesca ha il viso coperto dai suoi capelli e clicca il bottone della macchina fotografica usando un bastone.

 

 

 Francesca Woodman Il primo autoscatto a 13 anni

 Francesca Woodman, Il primo autoscatto a 13 anni

Nei suoi moltissimi lavori l’autoritratto; il corpo nascosto, mimetizzato; l’ostentazione della creazione dell’immagine saranno i protagonisti in una coerenza tematica, stilistica e concettuale che ancora oggi, trent’anni dopo la sua morte, la rendono estremamente attuale.

Guardando le sue immagini viene da chiedersi cosa stia facendo: si nasconde?

O cerca di esprimere quello che prova?

O costruisce un mondo in cui il suo corpo si incastra alla perfezione?

La vediamo dissolversi, in molte foto… Facile leggervi il male di vivere.

 
Un’artista interessante e controversa, dotata di un talento visionario, provocatrice e bellissima, diafana e sensuale, misteriosa e irrequieta, dichiara nelle sue fotografie che alla base di ogni azione, di ogni immagine prodotta, di ogni pensiero espresso attraverso le immagini, non c’è niente altro che sé stessa.

Protagonista assoluto delle sue opere è il corpo, il suo. Spesso senza veli, qualche volta coperto o ornato da oggetti improbabili, altre volte vestito da un lungo abito nero o da una bianca camicia di cotone che le ricopre appena la nudità.

Ogni scatto è come una stanza dell’anima.

Studia a lungo prima di scattare. Dietro ad ogni fotografia c’è una vera progettualità: ci sono schizzi, appunti, ricerca di oggetti simbolici e allusivi.

Prima di realizzare uno scatto Francesca scrive, disegna, analizza ogni più piccolo dettaglio della scena.

Tutto deve essere meticolosamente eloquente.

 

Francesca Woodman Uno dei famosi autoscatti con la carta da parati

Francesca Woodman Uno dei famosi autoscatti con la carta da parati

Per questo annota idee ovunque si trovi e su qualunque supporto: frammenti di carta, tovaglioli, vecchie cartoline.

L’improvvisazione non è contemplata dal suo metodo di lavoro. La sua è una raffinata ricerca stilistica e contenutistica.

Le sue acrobazie artistiche si esprimono all'interno di spazi al chiuso, l'architettura domestica è la cornice all'interno della quale avvengono le sue esplorazioni sul corpo e sulla sessualità.

Ama i lilium e il silenzio di luoghi che non hanno nome. Odia l’illuminazione artificiale. Per le sue foto si serve esclusivamente di luce naturale. Addirittura, resta ferma nel luogo esatto in cui ha scelto di fotografarsi a tremare di freddo, aspettando ostinatamente la “luce giusta”. E quando questa arriva, realizza lo scatto.

Uno e definitivo.

Senza repliche, mediante i metodi della lunga o doppia esposizione.

Ciò che colpisce della sua arte è la capacità di mimetizzare e confondere il corpo nell'ambiente circostante - tra porte e carta da parati, il quale, come lei stessa dice, "lo assorbe".

 

Francesca fotografa e si fotografa per guarirsi,

o quantomeno salvarsi, da un male di vivere che ha invece avuto la meglio su tutto.

Diventando la protagonista dei suoi scatti probabilmente cerca quasi ossessivamente di conoscersi. Il presenziare sulla scena risponde al bisogno di cogliersi per non vedersi cancellata. La necessità di afferrare la propria nudità con lo sguardo per non vederla sbiadire.

La Woodman che è sempre stata lucidissima e intellettualmente assai precoce, altrettanto lucidamente decide a un certo punto di porre fine alla sua intensa ricerca. Sceglie di preservare, per non rischiare di sporcare, la commovente delicatezza dei suoi anni vissuti così in intima espressiva profondità.

Il 9 gennaio 1981 comprende che il suo tempo è finito e si lancia da un palazzo di New York, dove abita, a soli 22 anni. Lascia un biglietto in cui scrive:

Ho dei parametri e la mia vita a questo punto è paragonabile ai sedimenti di una vecchia tazza di caffè e preferisco morire giovane preservando ciò che è stato fatto, anziché cancellare confusamente tutte queste cose delicate”.

 

 

Analisi grafologica di Francesca Woodman:

 

 

Francesca Woodman grafia

Francesca Woodman grafia

Una scrittura irregolare in stampato maiuscolo/minuscolo che presenta ampi spazi tra parole generando buchi simili a “canne fumarie” tra le righe.

L’ambiente grafico, la traccia inchiostrata che cerca di raddrizzarsi, vibrando e saltellando impaziente sul rigo che discende, il tratto poroso, infangato, trasudano vivida emozione e un pessimismo latente.

L’esigenza di chiarezza, la ricerca di originalità, l’innegabile buongusto (script) rappresentano un labile scudo e una sottile maschera per filtrare la forte invadenza di un estremo “sentire”.

Una donna, la Woodman,

intellettualmente vivace e intuitiva (disuguale e bucata), creativa (ricombinazioni) con uno spiccato spirito critico (spaziata) che vive le sue giornate intrise di tensione realizzativa, di nervosismo proteso alla ricerca della propria intima conoscenza, sulla difensiva verso i contatti e le relazioni (saltellante, a scatti, sospesa).

Il suo non è un carattere facile.

Tendenzialmente refrattaria alle invadenze esterne, il suo è uno spirito oppositivo portato all’instabilità e alla sofferenza (lettere a ritroso, “t” a croce, margine sinistro irregolare).

Il tratto così impastato dai frequenti ristagni di inchiostro, quasi fosse scritto su un foglio di una vecchia carta assorbente, merita ancora qualche approfondimento a dimostrazione della sua estrema sensibilità.

Ogni ingorgo della colata d’inchiostro rivela la contrazione di un soggetto che domina male le proprie emozioni e soprattutto non riesce a svincolarsi da esse.

Potrebbe interessarti:La grafologia: scoprire il carattere tra le righe di una scrittura

 

Francesca Woodman grafia particolare

Francesca Woodman grafia particolare

Ella assorbe tutto ciò che le accade intorno ampliandone l’intensità nella ricerca di sé. Privilegia infatti, nei brevi anni della sua vita, la solitudine non senza presunzione (“f” e “g” a bastone o regressive).

La sua unica compagnia, salvo rarissime eccezioni, è la sua macchina fotografica.

Perde nell’isolamento il contatto con il prossimo e, incapace di stabilire un rapporto affettuoso, vive una sessualità anticonformista e poco serena nascondendo fino in fondo la propria fragilità (“A” maiuscola in corpo di parola).

Influenzata dal surrealismo, la sua è una personalità interiormente molto complessa e contraddittoria ma anche una mente con le idee chiare rispetto ai risultati da raggiungere attraverso la sua arte, rigorosamente in bianco e nero, che ancora oggi incanta e sconvolge al tempo stesso.

Articolo Foto-grafia di Francesca Woodman di Barbara Taglioni su CaffèBook (caffebook .it)

Leggi anche:Isaac Asimov perchè “Ardo dal desiderio di spiegare”, Mata Hari: viaggio tra le righe della Spia più affascinante del mondo


  22  Lug  2017 ,
Barbara Taglioni

Barbara Taglioni

Grafologa, scrittrice eu ultimamente mi sono avvicinata al mondo della fotografia che ho scoperto essere un altro entusiasmante modo di fare arte.

I suoi articoli   Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

Devi effettuare il login per inviare commenti