Skype Caffebook

Scienze e Mestieri

Coco Chanel:quando la moda si fonde con la cultura.

Coco Chanel:quando la moda si fonde con la cultura.

«I libri sono stati i miei migliori amici».
Coco Chanel


Gabrielle Bonheur Chanel, seconda di cinque figli, nacque nella città francese di Saumur il 19 agosto 1883.


Con poche possibilità di sopravvivenza in quanto nata sottopeso, sua madre a causa delle continue assenze e tradimenti del marito, decise di darle il nome e il cognome della suora dell'ospizio, Gabrielle Bonheur.


Gli anni di infanzia di Gabrielle furono tristi e solitari che culminarono con la terribile perdita di sua madre nel 1889 a causa della tubercolosi.


Suo padre decise allora di portarla con i suoi fratelli nell'orfanotrofio di Aubazine, costretti al duro lavoro dei campi in cambio di un riparo e vi restò fino all'età di 18 anni.


Dopo due anni di convitto si trasferì a Moulins dove iniziò a lavorare in una mercería facendo delle riparazioni.


In seguito con sua zia Adrienne, iniziarono a disegnare abiti e cappelli riuscendo ad attirare la clientela della mercería Grampayre dove aveva lavorato precedentemente.


Oltre a cucire con la zia Gabrielle si divertiva a cantare nei bar alla moda,sembra sia dovuto proprio alle canzoni che interpretasse che gli amici finirono per chiamarla “La petit Coco.”[1]

Durante una delle esibizioni incontrò Etienne Balsan suo primo grande amore che la introdusse nell’altà società e che le finanziò la sua prima impresa commerciale, un negozio di cappelli a Parigi!


Ad una delle sfilate di conobbe Arthur Capel uomo facoltoso che credette súbito nel suo negozio di cappelli e la portò con se a Parigi.


Il successo fu immediato. Il segreto di quei cappelli era una base di paglia che Coco decorava con grande stile.

Il canotier era il cappello maschile preferito da Italo Svevo, Gabriele D'Annunzio, Maurice Chevalier e dai grandi ballerini come Gene Kelly e Fred Astaire.

L’appartamento dove risiedeva presto risultò piccolo e con il sostegno finanziario di Artur aprì il suo primo negozio al 31 rue Cambon.


Il successo fu sempre maggiore e al primo negozio seguirono altre apertura a Parigi, a Deauville, quest’ultimo frequentato dall'alta società e per la quale iniziò a disegnare anche abiti, oltre a cappelli.


L’apertura invece del negozio a Biarritz la consacrò a vera Firma di alta moda.

Coco Chanel e i profumi.

Nel 1921 Coco Chanel commissionò il chimico Ernest Beaux il quale unì ben 80 ingredienti per la prima volta nella storia della cosmesi, tra essenze floreali ed essenze sintetiche.


Coco voleva un profumo che esprimesse un concetto di donna diversa da quella dell’800 avvolta in corpetti stringati e vestiti stretti e lunghi, voleva una donna sensuale, nuova emancipata!


Era proprio di Chanel infatti creare sempre qualcosa di diverso, di buon gusto, elegante e raffinato allo stesso tempo rendendolo sobrio, moderno rompendo con il passato.


Due anni dopo mise in commercio il suo profumo di punta Chanel n.ro 5.

«Lancio la mia collezione il 5 maggio, il quinto mese dell'anno, lascerò che questo numero gli porti fortuna.

Fortuna fu e tale rimane ancora oggi.


Durante la Grande Guerra Cocò, fu tra le poche a tenere aperti i negozi e a ricavarne profitto, mentre durante la Seconda Guerra Mondiale sia la firma Chanel che se stessa sotto l’aspetto privato attraversarono un difficile periodo.

A causa della sua storia d'amore con un ufficiale tedesco Coco, fu accusata di essere collaborazionista, fortunatamente grazie all’impegno del Duca di Westminster con il quale aveva avuto una relazione ma che aveva dovuto lasciare in quanto non riusciva a dargli un erede avendo già 42 anni ( oggi il problema non sarebbe sussistito) venne assolta.

Dopo il 1954 dovette affrontare dure critiche per la nuova collezione che si rivelò un insuccesso, ma con tenacia, fermezza, impegno nel lavoro e creatività Gabrielle riuscì nuovamente a riconquistare il rispetto nel mondo della moda.


La sua fu una clientela di lusso di regine, aristocratici e attrici consacrando se  stessa a regina della moda.

Successo e fama nella vita pubblica, dolori e sofferenze nella vita privata ed affettiva.


La morte di Artur Capel e di lì a poco quella di sua sorella Antoniette, fecero sprofondare Coco in uno stato di profonda tristezza.


Per colmare quei vuoti Gabrielle si immerse quasi completamente nel lavoro che fu incessante fino all’ultimo, e nell’amore e desiderio per la cultura.


Si interessò a Picasso, alle opere dei drammaturghi, alla música di Stravinsky e soprattutto divenne un’avida lettrice, possedeva infatti nel suo appartamento una grande biblioteca.


Leggeva poesie e romanzi quest’ultimi da lei considerati “realtà vestite da sogno” il suo preferito Madame Bovary di Flaubert.


Le sue letture spaziavano dal classico con Omero, Platone, Virgilio, Sofocle, Lucrezio, Dante, Montaigne, Cervantes, Stéphane Mallarmé,

a quelle dei suoi amici che aveva potuto conoscere grazie a Misia Sert, sposa del pittore catalano Josep Maria Sert che l’aveva introdotta nei circoli culturali più alla moda.

Conobbe infatti personalmente Jean Cocteau, lo scrittore Paul Morand,che si ispirò alla sua storia d’amore con Capel per il suo “Lewis e Irène”,Max Jacob, Pierre Reverdy di cui divenne musa ispiratrice, ricevendo dediche di ammirazione e rispetto ed altre invece personali

come quella Reverdy “Ecco cara Coco il momento tanto atteso per dirLe, al di fuori di tutto, che penso sempre a Lei e L’amo come sempre” .

Sembra proprio che la vicinanza intellettuale di costoro sia servita a Coco per alimentare ed esprimere al meglio la sua creatività.

Quelli che creano sono rari; quelli che non creano sono numerosi. Quindi gli ultimi sono i più forti”.

Coco Chanel moriva il 10 gennaio del 1971.

 

Articolo: Coco Chanel:quando la moda si fonde con la cultura. CaffèBook (caffebook .it)

Leggi anche: Domenico Modugno: e la sua voglia di successo.


  15  Lug  2017 ,
Rachele Agostino

Presidente di Sencillamente associazione senza scopo di lucro per la libera divulgazione dell'informazione e della cultura. Vicedirettrice per il Magazine on line CaffèBook.

Devi effettuare il login per inviare commenti