Skype Caffebook

Scienze e Mestieri

Grafologia, dal gesto grafico al carattere: Ernest Hemingway

Grafologia, dal gesto grafico al carattere: Ernest Hemingway

"Essere uomo è un mestiere difficile e soltanto pochi ce la fanno."

Breve biografia di Ernest Hemingway:

Ernest Hemingway è lo scrittore simbolo del Novecento letterario nasce nel 1899 in Illinois e ha saputo rompere con una certa tradizione stilistica riuscendo ad influenzare successivamente generazioni intere di scrittori del novecento.

 

 

  Un uomo esuberante con un'attrazione per le emozioni forti che non abbandonerà mai e che rappresenta il suo segno distintivo come uomo e come scrittore.

La sua natura irrequieta e perennemente insoddisfatta non lo fa sentire sereno. Il fisico muscoloso, il carattere da attaccabrighe, la predilezione per le grandi mangiate e le formidabili bevute lo rendono un personaggio unico dell'alta società internazionale.

E' bello, duro, scontroso e già poco più che trentenne, è considerato un patriarca della letteratura, tanto che cominciano a chiamarlo "Papa".

Nel 1954 gli viene conferito il Premio Nobel per la letteratura [1] , ma rinuncia ad andare a Stoccolma per riceverlo di persona, essendo assai provato dalle ferite riportate in innumerevoli scorribande e soprattutto in due incidenti aerei.

In effetti in quegli anni viene afflitto da un crollo fisico e nervoso, che lo accompagnerà per diverso tempo fino al tragico epilogo.

Profondamente depresso perché pensa che non riuscirà più a scrivere una mattina si alza di buon'ora, prende il suo fucile a canna doppia, va nell'anticamera sul davanti della sua villa a Ketchum (Idaho) appoggia la doppia canna alla fronte e si spara: è il 2 luglio 1961 e ha 61 anni.

Analisi grafologica di Ernest Hemingway:

        Curva, allargata (più sviluppata in orizzontale che in verticale), legata, merlata (ovali tendenzialmente aperti), marcatamente prolungata in  zona inferiore,

con intrichi verso il rigo sottostante, marcatamente discendente, la scrittura di Hemingway[2] sembra un fiume che corre e precipita verso il futuro che sappiamo quali tragiche sorprese ha in serbo per lui. 

La scrittura di un uomo ricettivo, spontaneo, disposto verso il prossimo ma influenzabile e vulnerabile, interiormente insicuro e bisognoso di approvazione e di affetto. Incapace a volte di controllare le proprie reazioni.

  La costanza non gli appartiene e anche l’umore è incostante e capriccioso. Egli è troppo coinvolto dalle sue intense emozioni e il suo spirito critico ne risulta offuscato.

  Il tratto appare pastoso, l’inchiostro sembra impregnare la carta (il documento non è in originale), elemento che ci induce a pensare quanto il sentimento domini l’esistenza dello scrittore.

La direzione discendente, che abbiamo ritrovato anche in altri campioni di grafia, fa pensare ad un’esistenza vissuta come una realtà pesante, schiacciata dalla paura del fallimento.

Potrebbe interessarti: La grafologia: scoprire il carattere tra le righe di una scrittura

 

Analisi grafologica della firma di Ernest Hemingway:

 

Dall'analisi grafologica si intuisce che Il punto dopo la firma, anch’essa discendente,anche un cenno di prudenza e cautela forse un tentativo estremo di difesa e protezione.

 

Ernest Hemingway parla del suo Premio Nobel in spagnolo

 

Articolo:Grafologia-dal gesto grafico al carattere: Ernest Hemingway CaffèBook (caffebook .it)

Leggi anche:

Grafologia, dal gesto grafico al carattere: Antoine de Saint-Exupery - vivacità e armonia

Foto-grafia di Francesca Woodman

Isaac Asimov perchè “Ardo dal desiderio di spiegare”

 

(foto da openculture.com)

 


  22  Set  2017 ,
Barbara Taglioni

Barbara Taglioni

Grafologa, scrittrice eu ultimamente mi sono avvicinata al mondo della fotografia che ho scoperto essere un altro entusiasmante modo di fare arte.

I suoi articoli   Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

Devi effettuare il login per inviare commenti