Skype Caffebook

Scienze e Mestieri

I numeri degli uomini

I numeri degli uomini

Per quanto possa sembrare strano alla maggioranza delle persone, ogni essere umano è legato ai “suoi numeri” e attraverso questi lo si può conoscere e riconoscere.

 

Ognuno di noi, attraverso la consapevolezza di questi può organizzare il proprio futuro ed evitare incresciosi errori, detta così sembra un’idea strampalata dichiarata da un venditore di fumo, se invece questa scienza ha la veneranda età minima di 2500 anni e funziona è perché magari esiste un valido motivo.

La scienza dei numeri applicata all’uomo è sempre esistita, in Europa il capostipite e maestro fu il matematico e filosofo Pitagora da Samo (570 a.C. 495 a.C), in oriente invece il famoso filosofo delle ”Perle di saggezza” Lao Tzu (604 a.C. 470 a.C.) fondatore del Taoismo.

Pitagora e i suoi discepoli erano convinti che i numeri fossero l’essenza di tutte le cose, e senza di essi nulla sarebbe vivo e materiale.

Noi esseri umani siamo sottoposti alle tante forze naturali come la pressione atmosferica e l’elettromagnetismo, noi stessi e tutti i nostri atomi sono mantenuti uniti da vortici di energia magnetica ed elettrica.

Ervin Laszlo (fornendo nomi di scienziati e relativi esperimenti)scrive nei suoi libri che la scienza moderna teorizza l’Universo fatto non di vuoto o di gas, ma sia un grande “pieno di particelle in-formate e de-localizzate”; ogni particella si ritiene sia in grado di trasformarsi evolvendo quando incontra determinate temperature ed altre situazioni favorevoli allo scopo, nel frattempo viaggia attraverso onde che si incrociano e ondeggiano producendo ologrammi di memorie.

In effetti anche dentro di noi le nostre cellule non aspettano un nostro consenso per fare il loro lavoro interno a difesa della nostra salute, loro sono pienamente consapevoli del lavoro da effettuare a seconda delle situazioni in cui sono immerse. Un ovulo colpito da un spermatozoo non chiede il permesso di diventare una nuova vita, eppure in pochi mesi diventa un bambino, ogni particella è cosciente del suo compito e se tutto va nel verso giusto al momento della nascita, urla al primo respiro.

È in quell’urlo che l’Universo accoglie le onde del suo suono, l’elettromagnetismo a basse e ad alte frequenze non è udibile dall’orecchio umano, ma nulla viene perso, ogni suono continua il suo percorso tracciando la sua onda per millenni, per questo ogni giorno è diverso.

Il giorno della data di nascita stampa istinti in noi che ci accompagnano per la vita, i suoi numeri sono i nostri vestiti, la nostra pelle.

Fino a nove anni pochi vivono senza un numero concentrato, la somma dei numeri singoli, il Numero del Destino, quello utilizzato nella moderna numerologia.

La scienza dei numeri di Pitagora invece conosce ogni nostro numero e ne riconosce ogni piega, ad esempio: una persona nata il 12/4/1967 ha come Numero del Destino il 3, ma quella persona non è solo un 3 dato dalla loro somma, è anche un doppio 1, un 2, un 6, un 7 e un 9. Il doppio 1 dona il movimento fluido del corpo, buona capacità di espressione linguistica, simpatia e bontà. Il 4 è la capacità di memorizzare attraverso l’emulazione e la ripetizione. Il 6 regala la voglia di condividere ed è il fulcro della forza di volontà…

Ma se l’uomo interviene cambiando il giorno di nascita può succedere che i numeri non siano corrispondenti a quella persona, così diventano importanti i numeri di traduzione del nome in primis e poi del cognome, questa scienza, noi siamo affini a lei e lei a noi.

Noi, conosciamo ancora poco dell’Universo, ma una mente suprema conosce noi, nulla è caos, ogni onda ha la sua radice, ogni particella ha le sue memorie che si esprimono in numeri.

Se oggi la scienza moderna ha ricreato l’Universo, i miliardi di anni di evoluzione tramite i numeri nel famoso filmato Illustris (libero su yu tube)non esiste motivo per cui si debba avere dubbi se noi possiamo essere ricostruiti e riconosciuti tramite i numeri come per l’Universo.

 

 

 

 

 

 (immagine da video Illustris su youtube, Elaborazione A.C.)


  06  Dic  2015 ,
Elisabetta Vigo

Elisabetta Vigo 

 

Devi effettuare il login per inviare commenti