Skype Caffebook

Società

La Giornata Mondiale dell'Autismo, 2 Aprile: il progetto Blue Connection e la Zooterapia

La Giornata Mondiale dell'Autismo, 2 Aprile: il progetto Blue Connection e la Zooterapia

L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, con la risoluzione 62/139 del 2007, ha ufficializzato il 2 aprile come:

"Giornata Mondiale per la Sensibilizzazione all'Autismo".


Il Centro ippico Mahdia, con sede in Tunisia e protagonista da oltre vent'anni nel settore della disabilità, ha lanciato l'iniziativa internazionale "Blue Connection" per informare ed educare il pubblico su quanto viene svolto in tema di autismo, sulla diffusione della zooterapia e l'integrazione sociale delle diverse abilità.


Il Centro è un'associazione "no profit" che opera nel campo del turismo equestre, degli sport ippici, della zooterapia, della formazione professionale nella filiera equina, della conservazione delle razze tunisine minacciate di estinzione e della salvaguardia ecologico-ambientale.

"Blue Connection" ha promosso eventi, manifestazioni, attività, corsi e seminari svolti congiuntamente in Tunisia, Italia, Brasile e Croazia con il patrocinio dell'Ambasciata d'Italia a Tunisi e delle autorità locali tunisine, sotto l'egida di ENGEA-OIPES, l'ente equestre nazionale che coordinerà l’evento in territorio italiano a cui partecipano diversi organismi, associazioni, centri ippici, club sportivi, fattorie terapeutiche, centri di formazione, operatori di Pet Therapy, gallerie d'arte, aziende, privati, sia italiani che esteri.

Il colore blu è legato all'autismo perchè sfumatura "enigmatica" che risveglia il desiderio di conoscenza e sicurezza, ma ricorda anche il colore del mare e del cielo, emblemi di libertà. Altro simbolo dell'autismo è il tassello di un puzzle, in quanto rappresenta l'intelligenza "diversa" che necessita degli altri pezzi per realizzare il mosaico e attribuire un senso al singolo pezzo.

L'autismo è considerata la peggiore delle disabilità,

perchè non coinvolge l'aspetto fisico ma diverse funzioni cerebrali e perdura per tutta la vita.

L'immagine della locandina dell'iniziativa è appunto ispirata a questi elementi.

Il Centro ippico Mahdia

è gestito da un'italiana, Gabriella Incisa di Camerana che, nel corso degli anni, è stata testimone attiva e partecipe delle concrete trasformazioni di ragazzi affetti da disturbi di carattere fisico e psichico grazie all'intervento di animali come cavalli, cani, gatti, scimmie e conigli.

Gabriella ha dato vita al proprio innovativo progetto zooterapico ZOO.Ani.Me.c.

La zooterapia è un intervento ausiliario delle terapie convenzionali,

dove l’animale svolge un ruolo di mediatore e catalizzatore tra lo zooterapeuta e il paziente. Gli amici "con pelo" permettono di svolgere attività di psicomotricità assistita, per stimolare e accelerare i processi di apprendimento e crescita.

Il gioco è l'attività principale del bambino e ha un valore educativo, perchè gli consente di esplorare, scoprire, imparare, comprendere e crescere.

Essendo legato al piacere, aumenta la valenza dell'apprendimento. Mettere un bambino a contatto con un animale adatto alla sua taglia gli offre la possibilità di imparare divertendosi.


I ragazzi acquisiscono rispetto per l'animale, per gli altri, per le regole; socializzano gestendo la pressione esercitata dalle persone; sviluppano la parte fisica utilizzando le capacità motorie e gestuali, controllano movimento ed equilibrio.
Nel caso dell'autismo, l'animale trasmette qualcosa in più. Gli autistici non hanno il senso dello spazio:

soffrono di vertigini, non sanno saltare, faticando a percepire fisicamente la realtà.

Gabriella utilizza gli Sloughi, una razza di levriero berbero, e i Pony di Mogods, un'antica razza autoctona, entrambi minacciati di estinzione.


Gli animali riescono a stimolare la patologica l'apatia del paziente stabilendo spesso un contatto con i ragazzi autistici.

L'emulazione li spinge a imparare a saltare tenendo il cane al guinzaglio. L'attenzione, invece, viene incanalata grazie a un gioco con degli anelli colorati di differenti dimensioni da infilare nel collo dei levrieri. Infine la dolcezza dei pony li persuade ad aprirsi per ascoltare.

I miglioramenti raccontati da Gabriella sono numerosi e incredibili: sono bastate cinque lezioni a un bambino violento, ipercinetico, che non parlava e aveva paura di tutto, per essere in grado di stare seduto in classe con la biro in mano e seguire l'insegnante.
Gabriella sostiene che occorra superare l'ippoterapia tradizionale per offrire attività che facciano divertire i ragazzi, facendole scegliere, il più delle volte, proprio a loro.

"Blue Connection" vuole essere un'opportunità per eliminare i pregiudizi che, per le persone colpite, rappresentano il principale ostacolo all'integrazione nella comunità:

è un messaggio di solidarietà e, nel contempo, anche una raccolta fondi il cui totale ricavato sarà interamente devoluto ai bambini per consentire l'accesso gratuito alle sedute di zooterapia, presso il Centro ippico Mahdia.

Per questo motivo, il 6 aprile verrà organizzata un'asta di beneficenza presso la casa "Roma Aste Auctions" in cui dipinti, opere d'arte e gioielli offerti da artisti verranno messi all'asta.

Nel contempo, saranno esposti e messi in offerta libera i disegni dei bambini autistici tunisini, della regione costiera del Sahel, a cui quest'asta è intitolata.

Ma tutti avranno indistintamente modo di partecipare e contribuire alla visibilità di questo evento internazionale, postando le proprie foto, durante tutto il mese di aprile, sui social come Facebook, Instagram, Twitter, Youtube e Flockr con l'hashtag #BlueConnection.

Un abbraccio virtuale tutto blu che parte dalle Alpi per arrivare alle isole, toccando gli Appennini e anche le zone colpite dal recente terremoto. Sono in tanti gli amici del Centro ippico Mahdia a essersi mobilitati per far sì che questa prima edizione di "Blue Connection" sia un grande successo.
"Blue Connection": per affrontare l'autismo in maniera solidale, dove partecipare è importante.

Fonti utili: Wikipedia Autismo
Articolo su CaffèBook (caffebook .it): La Giornata Mondiale dell'Autismo, 2 Aprile: il progetto Blue Connection e la Zooterapia


  05  Ago  2017 ,
Paola Iotti

Paola Iotti

Scrittrice. Appassionata lettrice che si è trasformata in scrittrice grazie alla sensibilità degli animali a cui cerca di dare voce, come a persone e argomenti talvolta posti a margine dall'odierna società.

  I suoi Articoli                Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

 

Devi effettuare il login per inviare commenti