Skype Caffebook

Parole d'Autore

Piramidi di Zone: una magia sul lago di Iseo

Piramidi di Zone: una magia sul lago di Iseo

L’Italia, è risaputo, è conosciuta come il Bel Paese, ricco com’è di tante bellezze artistiche, naturali, paesaggistiche ed ambientali.

Ne sono esempio di grande, grandissimo valore i borghi più belli d’Italia, vere perle del territorio che incantano per la loro rara bellezza.
Nonostante lo conosciamo bene il nostro Bel Paese non finisce mai di stupirci, ci riserva incantevoli sorprese dove e quando non te lo immagini.
È quello che è successo a me durante una brevissima vacanza sul lago d’Iseo.

Bello il lago, bellissima Iseo, ma tutto come previsto, come te l’aspettavi.

Piramidi di Zone

Piramidi di Zone

Piramidi di Zone

Piramidi di Zone

Ma quanto meno te l’aspetti ecco la piacevole, incantevole sorpresa, quella che ti resta scolpita nell’anima e nel cuore.

È successo in un pomeriggio di giugno, durante una passeggiata intorno al lago d’Iseo quando mi sono imbattuto quasi per caso nella località Cislano di Zone, raggiungibile da Marone, e da lontano scorgo delle piramidi molto particolari.

Leggi qualche cartello turistico e capisci subito che queste piramidi sono di una bellezza unica, sono uno spettacolo della natura che non si può, non si deve perdere.

Cerco di capire come si fa ad arrivarci e scorgo un sentiero che parte dalla chiesetta di San Giorgio e ti conduce all’agognata meta. È un sentiero stretto, scosceso, difficile da percorrere. Ma tanta è la curiosità, la voglia di vedere da vicino quelle strane piramidi.

Il percorso è difficile, impervio, forse non è adatto alle mie performance quel mio difficoltoso cammino. Ma ci provo lo stesso, la fatica è tanta ma non mi fermo e, sia pure col fiatone, arrivo alla meta tanto agognata.

Lo spettacolo è incantevole, già il primo sguardo mi ripaga abbondantemente dello sforzo compiuto.
Alla mia vista, con sullo sfondo il magico scenario del bellissimo lago d’Iseo, si presentano delle strane, uniche piramidi.

Le foto pubblicate a lato sono molto esplicative in merito.

Dire che si è davanti ad uno spettacolo mozza fiato non è il solito luogo comune, ma è la verità, la purissima verità.
All’incredulo sguardo si presentano delle piramidi rarissime in tutto il mondo.

Sono le Piramidi di terra di Zone,

una tappa obbligatoria per i visitatori del lago d’Iseo, luogo incantevole, di rara, unica bellezza.

Smanetto sull’ormai immancabile smart phone e cerco di saperne di più.
Anche stavolta Google non delude le mie attese e vengo a sapere che si tratta della riserva Naturale Piramidi di Zone di circa 21 ettari e che è stata istituita con la Deliberazione del Consiglio Regionale della Lombardia n.1844 del 19 dicembre 1984 e gestita dal Comune di Zone.

Possiamo raggiungere questi luoghi passando da Marone, paesino posto nella zona nord orientale del lago seguendo la strada che da Brescia ci conduce nella Val Camonica.

Lasciandoci alle spalle il lago imbocchiamo la strada verso il comune di Zone per raggiungere queste colonne di terra anche note con il poetico nome di Camini delle fate.

L’ignaro ed incredulo visitatore si trova di fronte ad un affascinante paesaggio caratterizzato da uno dei fenomeni più spettacolari e interessanti di tutta la Val Camonica: le Piramidi appunto!
È inutile dire come questa riserva naturale rappresenti una grande attrazione turistica.

Come si sono formate queste particolarissime Piramidi?

Il terreno di natura morenica di queste zone è un insieme non omogeneo di detriti trasportati dai ghiacciai. L’acqua, con il passare dei millenni, ha svolto un’azione fisica erosiva e una chimica corrosiva che hanno avuto effetto solo sul terreno ma non sui massi erratici che vi erano sopra. L’esistenza di queste straordinarie piramidi, che via via si sono innalzate per l’erosione, dipende quindi dalla protezione che gli fornisce il grosso sasso in equilibrio sopra di esse.

Questo fenomeno risale a più di 150.000 anni fa e alla glaciazione Riss quando una lingua laterale dell'imponente ghiacciaio camuno accumulò un vasto deposito morenico ostruendo la valle e impedendo il normale deflusso dei torrenti che formarono, con i loro detriti l’Altopiano di Zone Cislago.

Sulla diga morenica iniziò quindi l’erosione dell’acqua e i ruscelli scavarono il terreno creando solchi sempre più profondi ed ampi e formando le Piramidi di terra che oggi possiamo ammirare. In un equilibrio sottile e precario da migliaia di anni si sono formati questi pinnacoli di argilla con i grossi sassi posti sopra che, assieme ad un strato di materiale fine costituito prevalentemente da limo, proteggono quest’opera della natura dalla erosione e ne impediscono il crollo.

La Piramide più imponente presenta un'altezza di circa 30 metri, un diametro alla base di 8 metri ed è protetta alla sommità da un masso di quattro metri di diametro.
Molto suggestivo è anche il contrasto cromatico dato dal violaceo delle piramidi e delle quinte da cui emergono, dal verde intenso della fitta boscaglia e da quello più brillante del pianoro sovrastante oltre che dalle chiare cime calcaree che coronano lo sfondo.
Con l’arrivo della stagione autunnale questi colori, già bellissimi, diventano addirittura poetici acquistando toni più svariati e caldi e rendendo lo spettacolo ancora più affascinante.

Che la natura le preservi a lungo, sono uno spettacolo che, come avrebbe detto Dante, intender lo può chi non lo prova.

Un consiglio ai lettori di CaffèBook (caffebook .it): se vi capita di visitare il lago d’Iseo non perdete l’occasione per ammirare questa bellezza naturale più unica che rara.

Cimentatevi nella fatica di dover percorrere il difficile sentiero che, come dicevamo all’inizio, dalla chiesetta di san Giorgio porta alle belle e incantevoli Piramidi di Zone.

Sarete ampiamente ripagati della fatica necessaria per raggiungerle: parole di un visitatore capitato per caso e che non perderà l’occasione di rivederle. Provare per credere!!

Foto delle Piramidi di Zone di Michelangelo La Rocca e da today.it

Leggi anche Il fascino dei ponti in legno coperti

Fonte utile Wikipedia Riserva naturale Piramidi di Zone


  03  Lug  2017 ,
Michelangelo La Rocca

Michelangelo La Rocca:

Poeta. Laureato alla Facoltà di Giurisprudenza di Palermo. Ho subito vinto il concorso per Segretari Comunali e attualmente sono segretario comunale di tre Comuni. Per la poesia ho vinto un premio speciale nell'ambito del concorso "Alladium" di Agliè (TO) che ha dato i natali a Guido Gozzano e il 1° Premio del concorso "Negri" di Parona (PV).

I suoi Articoli             Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

Devi effettuare il login per inviare commenti