Skype Caffebook

Parole d'Autore

“Mosaichiamoci”, artisti per sempre.

“Mosaichiamoci”, artisti per sempre.

No, della mia vita... se avessi saputo che ero in grado di impegnarmi così tanto, di sentirmi agitata, di avere il cuore in gola, di aumentare le ore di lavoro oltre l’inverosimile e, contemporaneamente, partecipare ad una manifestazione davanti al mio mosaico, lavorare insieme alle mosaiciste francesi Eliane Demmerle e Dominique de la Grange venute in prestazione d’opera... allora avrei capito da subito che non c'era bisogno di fare nessun percorso classico per l’autostima. Avrei capito da subito, e senza consolidamento psicologico, ego, io , super io e altre cose così... e probabilmente ha due o tre anni dalla nascita, con lo stesso impegno, sarei potuta diventare presidente dell’Unione Europea, a cinque anni avrei festeggiato i miei primi cento anni di lavori e a sei sarei morta in santa pace.  

“Mosaichiamoci”, artisti per sempre e tutto questo si chiama “Crowdfunding”.

A marzo ho presentato alla Fondazione Il Cuore Si Scioglie della Coop e a Eppela, la piattaforma di Crowdfunding, un progetto.

Come stare insieme attraverso l’arte includendo tutti.

In fondo, al mio mosaico ad Indicatore, sono quattro anni che lo facciamo: bambini, scolaresche, diversamente abili, persone di ogni razza religione e età, vengono da noi in prestazione d’opera per contribuire alla crescita di questo polo artistico e sociale legato al Mosaico di Andreina.


Qualche anno fa ho sognato di riempire questo posto, ho dato il via e piano piano è cresciuto da solo, tante belle esperienze per tutti, e visto che ha funzionato ho immaginato il proseguo:

laboratori di arte aperta a tutti, e questo sarebbe normale, ma noi immaginiamo di creare nove laboratori gratuiti per tutti… e questo è il difficile, visto le nostre difficoltà economiche a tirare avanti.

Ma ora è possibile Grazie alla Fondazione Il Cuore si Scioglie!


Mentre preparavo il progetto che si intitola “MOSAICHIAMOCI Artisti per Sempre” ho scritto e riscritto perché il dono della sintesi non è mio…video, prove video, cambio di abiti e trucco, caffè veglie notturne, capite che dovevo cimentarmi in un ruolo non mio.

Non è facile trasmettere in poche parole o in un video di due minuti la passione e l’amore, cercando di farlo comprendere ad altri. I miei ragazzi, come li chiamo io, hanno bisogno di questo spazio per cimentarsi in attività nuove, per mettere alla prova se stessi, per trovare un posto dove per tutti sei importante. Questo è MOSAICHIAMOCI.

Musica con il maestro Massimo Nasorri: già da un anno grazie al suo impegno ha dato i natali a Musaika un gruppo composto da ragazzi di ogni età. Massimo ha alle spalle una grande carriera da batterista e ora sta studiando per diventare direttore di orchestra ed è in grado di approcciarsi a chiunque insegnando i rudimenti musicali di molti strumenti.

Marco Grosso da giornalista e grafico e manager di una produzione letteraria si è reso disponibile al laboratorio di personal computer.

Madali Florin come operatore del Cla e amante della coltivazione botanica, che già segue e insegna con grande interesse, ha esclamato: certo Andreina che mi rendo disponibile.

Pensate poi a Sabrina Gosti, dalle mille sfaccettature, sa fare tutto e con grande conoscenza dei materiali e ha la capacità di trasformare il niente in bello.

Per le lingue non ci sono problemi, abbiamo Luigi e Borja Blanco Cochon per lo Spagnolo e tanti altri disposti ad insegnare altre lingue per favorire l’integrazione.

E ci sono io che mi dedicherò alla pittura e a mostrare come fare un mosaico insieme ad altri artisti mosaicisti a rotazione da tutto il mondo con il nostro scultore Borja Blanco Cochon che da tre anni vive con noi aiutandoci al mosaico e contemporaneamente lavora ad opere di grandi dimensioni e corsi nelle varie scuole.
Un team vincente di amici che come obiettivo comune ha l’amore per l’arte e per il nostro prossimo.

Dopo tutto questo inizia la parte ancor più difficile, confrontarci con una realtà non molto cosciutà in Italia: il crowdfunding che si fa su una piattaforma online dove la gente può contribuire ricevendo in cambio una ricompensa.

A dieci euro viene corrisposto un anello in mosaico; a venti euro un paio di orecchini mosaicati; a trenta una parure; a quaranta una maglietta e portachiavi del mosaico;

a cinquanta euro un cuore di legno in mosaico, a cento euro poniamo venticinque centimetri per venticinque in mosaico a tuo nome; a centocinquanta c'è l'inserimento nel video con dedica nel documentario “The Vision” tradotto in sei lingue realizzato da Laura Santelli con all’interno il brano inedito del Maestro Massimo Nasorri “Il mosaico di Andreina”;

a duecento un albero di mosaico di ottanta centimetri per ottanta da applicare a parete; a trecento e a cinquecento euro o quattro o sette giorni con noi ad Indicatore con vitto e alloggio e la partecipazione alle varie attività artistiche presenti.

Solo questo ha richiesto impegno e fantasia… immaginate il resto.

Il 26 aprile siamo stati convocati a Firenze alla Fondazione Il Cuore si Scioglie, dove ci hanno comunicato che l’otto maggio avrebbe avuto inizio il crowdfunding.

Siamo partiti baldanzosi io, Luigi Zampini e Don Santi Chioccioli, dopo un training di quattro ore con un super motivatore di crowdfunding Maurizio Imparato, da cui sono rimasta affascinata, sono uscita da lì galvanizzata, piena di idee, speranze e sogni.

Le cose difficili mi piacciono, le sfide mi appassionano, anche perché me lo hanno descritto come un gioco da ragazzi e io ancora amo giocare.
Li ho conosciuto le responsabili di Eppela Eleonora Valletta e Rosy Mastrodomenico, Giulio Caravella della Fondazione, e poi per coordinarci sulla sez. Soci di Arezzo Daniela Ceccarelli e Claudia Ribes, un bel gruppo affiatato e tutti protesi per il raggiungimento dell’obbiettivo finale, diventare protagonisti di questa nuova avventura.

Da quel momento è partito tutto, memore della saggezza ed esperienza di Maurizio Imparato, ho realizzato una lista dei miei contatti ed ogni cosa che mi veniva in mente la segnavo in un libretto che vi giuro non lo butterò mai perché mi è servito a ricordare tutti. Purtroppo sono così dispersiva per le mille cose che faccio che non ho mai raccolto le migliaia di informazioni che ci sono nel mio cervello.

In soli sette giorni ho inviato centinaia di messaggi facendo un bel calendario, ho partecipato a più eventi per la raccolta fondi attraverso la vendita di oggetti in mosaico, e raccolti quasi tremila euro, una vera lotta contro il tempo. Quando Maurizio parlava di passione ho pensato questo è il mio progetto! Per un’istintiva ed organizzata mentalmente come me il crowdfunding è l’ideale, dalla risposta immediata e trasparente, dove le energie che ti vengono richieste ti mettono alla prova, il problema è per chi mi sta vicino che non riesce a reggere il passo, perché la mia organizzazione fa paura ed è molto esigente, sto mettendo in pratica tutte le mie mille idee forse per tutto questo non c’è abbastanza tempo, per l’ansia.

Ma la cosa meravigliosa è che ho avuto la conferma di avere tanti amici, pensate il secondo giorno raggiunti i mille euro mi sono messa a piangere, tanto era l’emozione la stanchezza e il riconoscimento da parte delle persone che conosco e che mi amano.

Tutti si stanno impegnando: chi per organizzare eventi, chi per la vendita, chi per diffondere ai propri amici il messaggio di contribuire ai fini della riuscita del progetto, insomma un piccolo popolo in cammino verso un nuovo futuro vincente.

Contribuire a tutto questo significa regalare felicità a tante persone che non hanno la possibilità di dedicarsi ad un sogno, aiutare a scoprire capacità nascoste, per alcuni capire che niente è così difficile, ma soprattutto che è bellissimo stare insieme condividendo del tempo con altri che amano le tue stesse cose, dove le barriere tradizionali non esistono perché c’è l’obbiettivo comune imparare e tirare fuori il bello che è in noi, che ci fa sentire bene ed apprezzati, un vero linguaggio dell’anima.

Dove genitori e nonni possono fare un’esperienza con i figli o nipoti, dove il diversamente abile si sente amato e compreso, dove chi è emarginato trova degli amici e può sviluppare una coscienza lavorativa, insomma tanto per tutti noi.

Oggi si sa che le difficoltà economiche tendono a ridurre dal badget anche le cose importanti, qui ci sarà la possibilità per questo è bello il nostro progetto.

Quindi o per coscienza o per amore o per poter partecipare direttamente ai laboratori, condividete questo messaggio e diffondetelo a chiunque conoscete e diventerete i protagonisti di questo viaggio fatto di passione, arte, cultura, amicizia, umanità.
Ringrazio CaffèBook per la possibilità che mi dà nel diffondere l’iniziativa e che mi permette di raccontare questa opera Il mosaico di Andreina attraverso le tessere umane che lo compongono, alla Fondazione Il Cuore Si Scioglie per supportarci per il cinquanta percento del progetto e a Eppela per far da tramite a tutte le persone che amano “Mosaichiamoci” di partecipare.

Per partecipare e Contribuire cliccate sul link


Abbraccio i miei lettori, vi aspetto giovedì prossimo!

 


  08  Giu  2017 ,
Andreina Giorgia Carpenito

Andreina Giorgia Carpenito

Artista, ha realizzato opere di grandi dimensioni a vetrate, dipinti, bassorilievi policromi, sculture e il più grande mosaico del mondo!

I suoi Articoli        Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

Devi effettuare il login per inviare commenti