Skype Caffebook

Parole d'Autore

Il diario del viaggio interiore

Il diario del viaggio interiore

Chi decide di intraprendere un cammino spirituale, chi sente semplicemente che è giunto il momento di cambiare alcune cose nella vita oppure chi ha deciso di andare in fondo a sé stesso consiglio di tenere un diario.

 

Un diario è un dialogo con sé stessi.

Si ha la possibilità di essere sinceri fino in fondo, di decidere cosa dire, quando e in che modo dirlo. Non ci si nasconde dietro a pseudonimi, nickname, non si è costretti a inventarsi più o meno un’identità come in internet, non si è costretti a piacere a nessuno.

Il diario è un’occasione per essere sé stessi.

Tenere un diario non è un passatempo, è interessante e utile: si impara ad assumere la responsabilità di ciò che accade nella propria vita, la responsabilità dei propri comportamenti. Si impara a conoscersi.

Il diario è un racconto della propria vita, probabilmente quello più reale ed autentico. Trascrivere pensieri e riflessioni, preoccupazioni ed emozioni, i propri valori, ciò in cui si crede fa bene: è un atto liberatorio ed è un punto di partenza per capirsi.

Indipendentemente dalle modalità, il vostro diario ha lo scopo di scoprire nuovi aspetti della vita: spirituali, trascendentali, extrasensoriali e personali, di acquisire una nuova consapevolezza. Semplicemente per vivere meglio, in modo più sereno e forse anche più autentico.

La rilettura dei propri pensieri ci aiuta a prendere una certa distanza da noi stessi, ci aiuta a cambiare, a crescere, ad evolvere. È un elemento importante della nostra memoria, dell'identità, dei valori e consapevolezza delle cose che per noi hanno in un modo o nell'altro un'importanza nell'evoluzione come persona. Annotare i propri pensieri, di qualunque tipo esso siano, è anche un atto di responsabilità verso sé stessi, nei confronti della propria vita. Ed è anche un gesto di coraggio poiché ciò che si scrive rimane.

Un diario può essere anche il libro dei sogni, dei desideri, di ciò che si vorrebbe avverare.

Scrivere i propri desideri è sicuramente il primo passo verso la loro realizzazione. Un diario è il luogo della propria intimità, del proprio mondo interiore e, in ultima analisi, lo specchio della propria persona e del rapporto che intrattenete con il vostro io, con gli altri e con il mondo.

Un paio di consigli: siete molto sinceri con voi stessi, non nascondete nulla. Scegliete un ritmo – ogni due o tre giorni, una volta alla settimana o al mese – e rispettatelo. Lo potete portare sempre con voi, usarlo a casa, a bar, il mare o in montagna, ogni volta che sentite il bisogno di parlare con voi stessi e di voi stessi. Custodite i vostri diari con cura: è il vostro mondo. Solo voi potete decidere se e con chi condividerlo.

Un diario è un viaggio dentro noi stesso, per conoscersi, per capirsi, per liberarsi, per evolvere, per realizzare i propri desideri.

Buon viaggio nel vostro mondo interiore!

 

 

(Immagine di Kévin V. Pxl su flickr.com/photos/anyvanille/ )


  07  Gen  2016 ,
Devi effettuare il login per inviare commenti