Skype Caffebook

Parole d'Autore

Il labirinto della vita.

Il labirinto della vita.

Un’antica storia popolare cinese racconta le vicende di un contadino che al mattino va nella stalla per prendere il vecchio cavallo e arare il campo ma si accorge che durante la notte l’animale è morto.

 

«Che immane sfortuna mi è capitata!» commenta disperato, «ora come farò a dissodare e coltivare?».

Nel frattempo rincasa il figlio che si era inoltrato nel bosco per raccogliere legna: è riuscito a catturare una giumenta selvatica intrappolata nei rovi.

«Che enorme fortuna ho avuto!» esclama il padre. «Dispongo di un soggetto giovane e non devo più mantenere l’altro: meno male che quello vecchio è deceduto!».

Il pomeriggio il figlio, mentre doma il quadrupede, viene disarcionato fratturandosi una gamba.

«Che tremenda sventura! E adesso chi mi assisterà nei campi? Scovare quell’animale nel bosco si è palesata una grande disgrazia».

Il giorno seguente arrivano i messi dell’imperatore ad arruolare in ogni paese i giovani per una nuova guerra. Quando giungono all’abitazione dell’agricoltore e vedono il ragazzo infortunato lo esentano dal servizio militare.

L’uomo prorompe in grida di gioia: «che incredibile fortuna si è rivelato l’incidente di mio figlio! Rimarrà a letto un mese ma si riprenderà e potrà lavorare. Se fosse stato reclutato sarebbe tornato dopo molti anni oppure mai. Quella cavalla è stata una vera e propria benedizione! ».

La saggezza popolare occidentale sintetizza lo stesso concetto in un famoso proverbio: «non tutti i guai vengono per nuocere».

Il problema è che, quando capita un imprevisto, è umano e del tutto naturale venire sopraffatti da un’istintiva reazione di sconforto. Siamo talmente presi dall’obiettivo immediato da sentirci inesorabilmente spiazzati dall’evento che lo impedisce: non potendo prevedere il futuro non si è in grado di comprendere che qualcosa non ancora rivelato potrebbe trasformare l’impedimento in un vantaggio.

Si dice che la fortuna sia cieca ma spesso siamo noi che non riusciamo a scorgerla, persi nelle nostre elucubrazioni.

Devo andare in un certo luogo ma la strada è chiusa per lavori: mi arrabbio perché arriverò in ritardo, costretta a una deviazione non programmata. Se rimango irritata non sarò però capace di notare che in quella via c’è un negozio che effettua un servizio che da tempo cercavo. Se invece supero la contrarietà e colgo l’occasione per osservare quel che mi circonda probabilmente lo individuerò, risolvendo così un problema.

Un autore profondo, James Redfield, ha scritto assieme ad Adrienne Carol la “Guida alla Decima Illuminazione”, ultimo di una fortunata serie iniziata con la “Profezia di Celestino”.

A un certo punto si racconta di un esperimento denominato <incapacità acquisita>. Alcuni ricercatori hanno preso tre topi, chiamati A, B e C. I topi A e B vengono sottoposti a piccole scariche elettriche mentre il topo C a nessun trattamento. Il topo A, a differenza di B, ha la possibilità di imparare a girare una ruota con cui interrompe il flusso della corrente elettrica ad A e B. Alla fine si scopre che A sta meglio di C, mentre B soffre di ulcera. Dunque una situazione di stress può essere causa di rafforzamento nel topo A, quando questi ha la possibilità di attivarsi per interrompere l'evento stressante.

Successivamente i tre topi vengono messi in un labirinto alla fine del quale c'è acqua e cibo. Di fronte a una situazione nuova e complicata accade che il primo a raggiungere l'obiettivo sia A, poi C e infine B.

Questo viene spiegato col fatto che A, abituato ad affrontare i problemi e risolverli con successo, prende in esame con spirito vincente il labirinto e arriva prima di C, che non aveva subìto alcuna pressione. Invece B, acquisendo un atteggiamento "passivo" nel recepire gli eventi e provando il dolore delle scariche, affronta con spirito perdente anche l'incognita del dedalo arrivando ultimo.

Se davanti al cartello di interruzione stradale mi arrabbio e sostengo di essere sfortunata perché vittima di avversità, in qualche modo mi comporto come il topo B che soggiace agli eventi e s'inoltra nel labirinto della vita con atteggiamento sottomesso, aspettandosi dietro l’angolo una scarica elettrica e muovendosi pertanto con lentezza, senza notare le opportunità offerte dal nuovo ambiente.

Non è però facile comportarsi come il topo A e raggiungere la meta alla fine del tunnel.

Ci sono delle situazioni in cui il cartello stradale può essere aggirato e altre in cui è meglio cambiare strada. Il difficile sta proprio nel comprendere quando è il caso di insistere e proseguire e quando invece è meglio deviare.

C’è una famosissima preghiera, denominata della serenità, che esprime la complessità della scelta: “Dio, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso e la saggezza per conoscere la differenza”.

 


  06  Ott  2015 ,
Paola Iotti

Paola Iotti

Scrittrice. Appassionata lettrice che si è trasformata in scrittrice grazie alla sensibilità degli animali a cui cerca di dare voce, come a persone e argomenti talvolta posti a margine dall'odierna società.

  I suoi Articoli                Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

 

Devi effettuare il login per inviare commenti