Skype Caffebook

Cultura

I Caffè storici che hanno cambiato la cultura in Europa

I Caffè storici che hanno cambiato la cultura in Europa

Sono avvolti da un’aura classica, elegante e decadente che ci riporta al passato. Hanno assistito alla nascita di molte idee ed erano lo scenario bohémien per il ritrovarsi di molti artisti. E in altri, al calore di una tazza di caffè fumante, è stato mutato per sempre il corso della storia. In alcuni romanzi emozionanti sono stati raccontati.

Vi presentiamo i caffè storici in Europa:

 ...dove un bigné imbevuto e una bevanda profumata ed intensa hanno fatto rinascere e ribollire il mondo delle idee.

Caffè Procope

Si vanta di essere il più antico caffè letterario del mondo, risalente al 1689. Resta intimamente legato all'Encyclopédie e a visto sedersi a quei stessi tavoli Voltaire e Rousseau insieme mentre forgiavano le idee rivoluzionarie di Danton, Robespierre e Marat. Oggi questo caffè storico di Parigi conserva reliquie come il cappello a tre punte di Napoleone e degli estratti scritti a mano da autori dell'Illuminismo. Visitarlo nel cuore del Quartiere Latino è un'iniezione di nostalgia.

Caffè de Flore

Il Caffè de Flore è un altro storico locale parigino situato nel quartiere di Saint-Germain-des-Prés.
Se parliamo di luoghi in cui le lettere sono state protagoniste dobbiamo dirigerci nel particolare Caffè de Flore. I suoi colori rosso e verde fanno parte delle fotografie di centinaia di visitatori della città che non si sono volute perdere la possibilità di portarsi a casa un ricordo di questo caffè, dove ha trascorso lunghi momenti della sua vita Jean Paul Sartre. Un locale che oggi rimane fondamentale per chi ama la filosofia e incontri sociali. Una tazza di caffè in questo famoso locale parigino è un invito diretto a viaggiare indietro nel tempo e scoprire l'essenza dell’Art Deco che fuoriesce attraverso un arredamento sorprendente che ha vinto il polso di anni dando il ruolo principale di grandi specchi e pezzi marmo.

Caffè Central

Se lasciamo Parigi per un’altra capitale europea nella storia dell’arte non possiamo che dirigerci a Vienna. I caffè storici viennesi sono i mitici locali patrimonio immateriale dell’umanità per l’Unesco perché trascendono la loro funzione, perché sono, ancora oggi, i centri melanconici della vita sociale di esponenti della cultura europea. Nessuno come il Central, borghese e in stile neo-rinascimentale ha nella propria storia il segno della rivoluzione: nella sessualità, ad opera di un medico di nome Freud che giocava a scacchi tra le sue mura; e quella russa, ad opera di un giovane, allora ancora sconosciuto, che qui lavorava come giornalista nella città sotto il pseudonimo di Trotsky.

Caffè de L'Opera

Un Caffè... dipinto da Van Gogh

CaffèBook (caffebook .it)

Punto d'incontro per l'aristocrazia e la nobiltà di Barcellona, questo caffè, aprì nel 1929 seguendo gli schemi del Modernismo, non ha mai cessato la sua attività, anche durante la guerra civile spagnola. Fra i suoi clienti da allora si sono trovati il re Alfonso XIII ma anche anarchici, sindacalisti e molti intellettuali. Nel tempo ha accolto anche personaggi del mondo dell’intrattenimento come del calcio.

Caffè Gijon

È tutto quello che un’istituzione culturale dove rappresentare. È il simbolo delle vicissitudini della Spagna e a Madrid è il caffè che, come nessun altro, trasuda lo spirito degli incontri letterari. Qui, avvolti nel fumo, hanno aspettato l'alba Lorca, Dalí e Buñuel, lasciando echi leggendari degli intellettuali del tempo. La lista di poeti, artisti e pensatori è infinita dal 1888, ripresa di un nuovo impulso dopo la guerra civile. Aneddoti e storie del Gijón hanno ispirato romanzi e saggi.


A Brasileira

Il Chiado è il quartiere più intellettuale e chic di Lisbona e contiene questo angolo dal sapore antico dove la musica del fado fa sempre da sottofondo. Le sue decorazionei in legno intagliato sono ideali per una Bica (una tazza di caffè forte), accompagnata da una pasticceria di Belem. Sulla terrazza, immortalato in bronzo, poggia il grande scrittore portoghese Fernando Pessoa, innamorato di questo posto e uno dei suoi più famosi e abituali frequentatori, di certo quello che ha lasciato il suo segno indelebile.
Forse qui si ispirò per creare composizioni e versi come " sognare è vedere le forme invisibili a una distanza imprecisa e con l’impulso sensibile della speranza e della volontà ... "

Ma fra i caffè storici in Europa non possono mancare anche quelli italiani:


Antico Caffè Greco

Respirare l'atmosfera di questo luogo leggendario vicino alla Piazza di Spagna a Roma... uno storico caffè che è un viaggio nel tempo: specchi, tavoli in marmo, poltrone in velluto e più di trecento opere d'arte. Wagner, Liszt, Bizet, Stendhal, Lord Byron e tanti altri dei grandi pensatori degli ultimi duecento anni si possono “incontrare” in questo luogo .


Gran Caffè Quadri

Un Lungo, espresso, cappuccino ... e anche un caffè turco, in quello che è stato il primo ad offrirli nella città dei canali. Sì, si affaccia sull'indimenticabile Piazza San Marco e con un sapore speciale: la memoria dello splendore che annunciò la nascita della modernità. In questo caffè raffinato sfilano personaggi del calibro di Alejandro Dumas, Marcel Proust e Richard Wagner, che i pettegolezzi raccontano smise di andare nel suo caffè rivale, il Caffè Florian qui vicino, per non incontrare Verdi. 

 

Caffè Florian                                                                                                                                                                                                    

Entrare nel Caffè Florian, in piena piazza San Marco è ritrovarsi nella Venezia del XVIII secolo. Il Caffè Florian, fu fondato nel 1720 con il nome di “Alla Venezia Trionfante” sotto i portici delle Procuratie Nuove da Floreano Francesconi ma i veneziani non apprezzarono quel marchio esagerato, e incominciarono a chiamarlo con il nome del padrone che, nella pronuncia locale, era appunto “Floriàn”. Le magnifiche sale evocano gli ospiti illustri che un tempo sedevano ai loro tavoli da Lord Byron a Goethe, Balzac, Proust o Twain tra i molti altri.

Torniamo in Europa alla ricerca di altri caffè storici:

Caffè Imperial

Questo sontuoso caffè di Praga inaugurato nel 1912 vivendo, proprio come l'Impero austro-ungarico stava per cadere a pezzi travolto dalla prima guerra mondiale. Nel corso degli anni diventò uno dei salotti alla moda dallo stile art-deco e con elementi floreali che accolse per molte serate il compositore Leos Janacek e lo scrittore Franz Kafka.

Caffè Royalty 

È un altro spagnolo che si intrufola nella lista dei caffè emblematici del Vecchio Continente. Royalty è nella città di Cadice, dove nacque nel 1912 per celebrare la Costituzione del 1812, conosciuta come "La Pepa". Ha ospitato personaggi illustri come Manuel de Falla che deliziava il pubblico con i suoi concerti. Con la guerra si persero le tracce di questo locale, ma è stato restaurato anni più tardi, ricreando il suo aspetto originario: un recupero squisito fatto di legno e decorazioni dorate che ne fanno uno dei caffè storici più romantici del paese.

Caffè Odeon

In questo angolo di Zurigo le lezioni da Einstein nel 1911 i suoi vecchi locali sono uno dei molti punti salienti di questa mitica istituzione della città svizzera. Ma qui passarono anche Mussolini, Thomas Mann e danzatrice Mata Hari, solo per citarne alcuni. Questo caffè è stato al centro della discussione sia di correnti politiche sia di movimenti artistici; fra queste ultime, il dadaismo, che ha avuto il suo epicentro a Zurigo.

 CaffèBook (caffebook .it)


  07  Ago  2017 ,
Caffè e Cultura

Caffè e Cultura.

Il caffè è parte integrante della nostra cultura,

per come ogni giorno ne assumiamo,

per l'importanza che gli diamo come fonte di energia e

per molti altri motivi... buoni

Devi effettuare il login per inviare commenti