Skype Caffebook

Cultura

Joseph Pulitzer. L'uomo che ha cambiato il giornalismo

Joseph Pulitzer. L'uomo che ha cambiato il giornalismo

Chi è Joseph Pulitzer?

Molti possono rispondere subito che stiamo parlando dell’uomo che ha istituito nel 1917 il Premio Pulitzer e, di conseguenza, parliamo di una delle persone che hanno fatto la storia del giornalismo.

Cento anni fa esatti, da un lascito di Pulitzer alla Columbia University, nasceva il premio più prestigioso del mondo per il giornalismo.

     Disponibile su  Amazon

Joseph Pulitzer. L'uomo che ha cambiato il giornalismo

Joseph Pulitzer. L'uomo che ha cambiato il giornalismo di Alleyne Ireland

 

L’editore, manager, magnate e giornalista motivò così la sua intenzione di creare una scuola per giornalisti:

"Sono profondamente interessato al progresso del giornalismo, dopo aver speso la mia vita in questa professione; la considero una professione nobile e di ineguagliabile importanza per la sua influenza sulle menti e la morale di un popolo. Desidero aiutare ed attrarre a questa professione giovani di carattere e capacità e anche aiutare quelli già impegnati nella professione a perseguire sempre una più alta formazione morale e intellettuale ".

Probabilmente questa volontà è nata dai molti ostacoli che Pulitzer stesso nella sua ascesa alla vetta del giornalismo americano aveva trovato.

Emigrato negli Stati Uniti nel 1864 combatté durante la Guerra di secessione statunitense al termine della quale si stabilì a St. Louis, nel Missouri. Durante la guerra era in un reggimento di immigrati stranieri, quasi tutti tedeschi, e questo non gli permise di imparare l’inglese. Giunto a St. Louis, e lavorando come cameriere, iniziò ad apprendere la lingua frequentando la biblioteca per imparare leggendo ogni giorno con costanza e determinazione.

La sua carriera di giornalista è iniziata in un modo un po' particolare. Il suo primo contributo è la storia della frode di cui fu vittima con un gruppo di uomini che, come lui, erano alla ricerca di un lavoro meglio retribuito.

Ognuno di loro aveva pagato cinque dollari per un passaggio che li avrebbe portati a delle piantagioni di zucchero della Louisiana, dove sarebbero stati assunti come braccianti con uno stipendio fisso. Dopo 30 miglia di navigazione furono costretti a lasciare la nave che doveva portarli a destinazione per il prezzo pattuito. Erano stati derubati!

Tornato a St. Louis scrisse un articolo denunciando quello che gli era successo. Il suo articolo, fu accettato immediatamente dal Westliche Post che lo apprezzò così tanto da avviarlo al mestiere di giornalista.

Lavorava qualcosa come 16 ore al giorno. Aderì, di lì a poco, al Partito Repubblicano con il quale sarà eletto nel 1869 all'Assemblea del Missouri vincendo con 209 voti a favore contro 147.  

E, a quel punto della sua vita, Joseph Pulitzer aveva 22 anni.

Pulitzer per diventare giornalista non aveva avuto nessun aiuto, solo la sua tenacia e la sua determinazione, sia nell’apprendere la lingua inglese, lui era nato a Makó, in Ungheria ed emigrato nel 1864, sia nell’impegnarsi al massimo in un mestiere che anche allora non era molto redditizio, non per quelli alle prime armi.

Si vantava, giustamente direi, di essere un uomo che “si era fatto da sé” ma potrebbero essere state le sue lotte come giovane giornalista a spingerlo poi a promuovere la formazione professionale.

Joseph Pulitzer

Joseph Pulitzer, L'uomo che ha cambiato il giornalismo. (caffebook .it)

 

Nel 1872 acquista sia il giornale che aveva accettato di pubblicare il suo primo articolo, il Westliche Post, come il St. Louis Dispatch e li fonde in uno solo di grande successo. Faceva un giornalismo che interessava e molto la gente della strada. Era populista, si direbbe oggi con un tono di superiorità e disprezzo, ma lui combatteva l'ingiustizia dando lo spazio e le risorse per denunciare la corruzione e le disuguaglianze sociali.

Quando, nel 1883, Joseph Pulitzer, l'uomo che ha cambiato il giornalismo, compra il New York World è già milionario.

Quello che più resta alla memoria di questo grande giornalista sono le sue battaglie e le sue convinzioni sul “nobile mestiere”. Ne troviamo il pensiero nel suo libro Joseph Pulitzer sobre el periodismo ( non l’ho trovato in italiano), dettato dal giornalista quando era già cieco,

Serve anche a questo parlare di Pulitzer, serve per capire e per parlare del mondo in cui viviamo e il modo con cui il lettore conosce l’informazione oggi. Questo uomo, quando arriva a realizzare tutti gli errori che possono essere fatti da un giornale, propone quanto crede su quello che dovrebbe essere il ruolo di giornalista o quello di un direttore di giornale, senza dimenticare l'importanza radicale dell’etica che dovrebbe essere sempre presente nel comunicare le informazioni.

La notizia è importante, è la vita stessa di un giornale. Ma che cosa è la vita senza morale? Qual è la vita di un paese o di un individuo senza onore, senza cuore e senz'anima?

Sopra la conoscenza, le notizie e l'intelligenza, l'anima di un giornale sta nel suo senso morale, nel suo coraggio, nella sua integrità, sua umanità, sua considerazione per gli oppressi, sua indipendenza, sua devozione al benessere pubblico e nel suo desiderio di fornire un servizio pubblico.

 

Non esiste delitto, inganno, trucco, imbroglio e vizio che non vivano della loro segretezza. Portate alla luce del giorno questi segreti, descriveteli, rendeteli ridicoli agli occhi di tutti e prima o poi la pubblica opinione li getterà via. La sola divulgazione di per sé non è forse sufficiente, ma è l'unico mezzo senza il quale falliscono tutti gli altri.
   

  Joseph Pulitzer

Un giornalismo ben diverso da quello che conosciamo e troviamo quotidianamente nei nostri informatori siano essi cartacei, radiofonici o televisivi. Gli scoop quelli con cui Joseph Pulitzer ha costruito le sue fortune colpivano corruzione e disagio sociale, nascevano dall’ossessione delle vendite ( ben riuscita visto che il New York World passò da 15000 copie a 600.000 grazie alla sua gestione) quelle di oggi nascono dalla morbosa ricerca di dettagli nei delitti, dalle mirabolanti avventure dei protagonisti di qualche trasmissione.

Non è che oggi manchi la denuncia della corruzione, ma in questi casi manca di certo l’indipendenza del giornale, aspetto opportunamente dimenticato dell’etica del moderno giornalismo.

Così quando Joseph Pulitzer ci dice:

Se ho avuto un certo successo è stato, perché, per quanto riguarda il mio lavoro non ho mai preso il giornalismo come un business. Dal mio primo lavoro, nel corso di quasi quarant'anni che si sono succeduti dopo, ho considerato il giornalismo non solo come una professione, ma come la più nobile di tutte le professioni. Ho sempre sentito che ero in contatto con la mente del pubblico e costretto a fare qualcosa di buono ogni giorno. Probabilmente ho fallito, ma non è stato per mancanza di impegno.

Non si può che pensare quanto il fallimento di molti volti noti della nostra informazione sia proprio nella mancanza di impegno, quello faticoso, doloroso e, a volte, pericoloso, necessario per mantenere integrità e indipendenza.

 

Joseph Pulitzer. L'uomo che ha cambiato il giornalismo (caffebook .it)


  10  Apr  2017 ,
Roberto Roverselli

 Direttore responsabile di CaffèBook. 

Giornalista iscritto all’albo (Odg. Toscana)

Coautore del documentario sulla crisi economica Eterna. 

Devi effettuare il login per inviare commenti