Skype Caffebook

Cultura

Gene Kelly: Singin' in the Rain ballo, film e…

Gene Kelly: Singin' in the Rain ballo, film e…

"Quando sono depresso, metto 'Singin' in the Rain '", dice Woody Allen in "Crimini e misfatti".


Singin 'in the Rain' è il film più rappresentativo di Gene Kelly, ma Gene Kelly, fu anche attore, ballerino,cantante coreografo e direttore.

Gene Kelly, nome completo Eugene Curran Kelly,nacque il 23 agosto del 1912, a East Liberty, Pittsburgh, Pennsylvania, Stati Uniti.

Gene Kelly
Gene Kelly

Suo padre era un venditore di fonografi la musica in casa non mancava, e sua madre indirizzò Kelly e i suoi fratelli al mondo della danza.
"Vorrei ballare fino a 101 anni", aveva dichiarato più di una volta Gene[1], ma la passione per il ballo è arrivata tardi.


La sua passione infatti arrivò dopo il crack del ‘29, chissà se fu il periodo di economía non proprio felice che lo spinse a conseguire la laurea in economia.

Dopo aver aperto due scuole di ballo una nella sua zona e l’altra a Johnstown, Eugene si trasferì a New York dove sperava di lavorare al cinema. Nella Grande Mela dopo un provino fallimentare per la prestigiosa RKO[2] nel quale lavoravano Katrine Hepburn, Gregory Peck e Barbara Hale (la segretaria in Perry Mason) intraprese la via del teatro

Il debutto fu, infatti, a Broadway nel coro “Leave It to Me”, ma fu il contratto firmato con David O'Selzninck il potente produttore cinematografico, che lo avviò alla carriera diventando una delle figure più importanti della storia del cinema.

 
Gene Kelly e Fred Astaire
Gene Kelly e Fred Astaire
Nella foto indossano il Canotier, il cappello preferito dagli attori musicali e che Coco Chanel rese famoso arricchendolo di nastri e piume.

Nel 1945 ballò per la prima volta con Fred Astaire che era già una stella, mentre Gene iniziava allora il suo debutto.


I due si ammiravano a vicenda,la loro divenne una forte amicizia tale da resistere ai pettegolezzi della stampa.

Quando nel 1946 decise di lasciare il ballo Fred Astaire, i maligni pensarono che forse non si sentiva in grado di competere con Gene Kelly.


L’uno aveva ciò che all'altro mancava: Fred Astaire rappresentava naturalezza ed eleganza; Gene Kelly aveva più fisico e acrobazia era cintura nera!


La migliore spiegazione delle loro differenze le diede lo stesso Gene Kelly:

"Io sono stato il Marlon Brando dei ballerini e lui era Cary Grant".

Il successo cinematográfico arrivò ad Hollywood dove incontrò il grande Stanley Donen, (famoso regista che aveva lavorato anche con Gregory Peck) con il quale ebbe una lunga e fruttuosa collaborazione.

Al suo primo film in "Modelli" di Charles Vidor, con Rita Hayworth seguirono altri film importanti, quali "I tre moschettieri" 'Un giorno a New York' 'Canta che ti passa', con il grande Frank Sinatra e" Un americano a Parigi" premiato con l'Oscar per il miglior film consacrando Kelly a star mondiale.

Frank Sinatra disse:"Ha rivoluzionato il modo in cui ballare in un film.

Era un perfezionista. Io ne so qualcosa. Mi sono allenato per ore e ore e non potevo crederci quando mi sono visto ballare sullo schermo insieme a Gene Kelly!"

Nel 1953 Kelly recitò e diresse con Stanley Donen 'Singin' in the Rain ' uno dei più famosi film musicali della storia!

"Un grande ballerino, un genio del cinema il cui lavoro influenzerà per sempre i film. Gene ha fatto di me una star. Ho imparato tanto da lui. Era un perfezionista ossessionato dalla disciplina, il più esigente dei registi con cui abbia lavorato”.

Così descrisse Debbie Reynolds, Kelly, che aveva recitato nel film!

Nel 1956 come regista ed altri ruoli interpretati nel film vinse l'Orso d'Oro al Festival di Berlino, con il film “Invito alla danza”nel quale ricoprì diversi ruoli, era circondato da ballerini come Igoy Youskevitch e Tamara Tumanova,

cambiò le regole della narrazione classica di Hollywood per fondersi con una performance quasi lirica ma il pubblico non gradì il film ed iniziò il suo declino.

Dopo due anni di assenza dal ricominciò a lavorare con il mitico Spencer Tracy, James Stewart e Henry Fonda in "The Cheyenne Social Club" (1970).


Dirisse Barbra Streisand e Louis Armstrong in "Ciao, Dolly" che si rivelò un gran successo.

Ma mentre stava recuperando la china nel 1973 un duro colpo lo travolse nella sua vita personale: la morte di sua moglie per leucemia.


Vedovo con due bambini piccoli,decise di dedicarsi a loro e, da quel momento, respinse tutti quei progetti che lo avrebbero allontanato da Los Angeles.

Nel 1980 fece la sua ultima apparizione in un musicalXanadu” che si rivelò purtroppo un completo fallimento.


Nel 1985, l'American Film Institute gli assegnò un premio alla carriera.


Hollywood invece lo aveva fatto molto prima già nel lontano 1951 per il suo contributo allo sviluppo del teatro musicale.


Nel 1983, l'artista perse la statuetta in un incendio che però l’Academy Award gli restituí poco dopo.

I suoi ultimi anni furono segnati da una pesante malattia,
varie trombosi, minarono la sua salute.


Gene Kelly moriva il 2 febbraio 1996.


Citazioni ed omaggi gli sono gli sono stati riservati quando era ancora in vita,ed anche dopo la sua morte: Madonna ( la cantante) lo cita in "Vogue".
Il pattinatore canadese Kurt Browning ripropose su ghiaccio il balletto di Singing in the Rain all'interno dello special televisivo You Must Remember This.
Nel 2003 l'attore Jackie Chan ripropose la scena di Cantando sotto la pioggia nel film Shanghai Knights coreografando un elegante combattimento con gli ombrelli, con in sottofondo le note di Singing in the Rain.

Nel film Un americano a Roma, il personaggio di Nando Mericoni, interpretato da Alberto Sordi, afferma più volte di aspirare ad essere come il ballerino statunitense.
Bob Hope disse:
"Chi altro avrebbe potuto trasformare un ombrello e un paio di galosce bagnate in uno dei più grandi momenti del cinema di tutti i tempi?"
Ebbene Gene Kelly ci riuscì!


  15  Lug  2017 ,
Rachele Agostino

Presidente di Sencillamente associazione senza scopo di lucro per la libera divulgazione dell'informazione e della cultura. Vicedirettrice per il Magazine on line CaffèBook.

Devi effettuare il login per inviare commenti