Skype Caffebook

Cultura

Il capodoglio bianco di Melville.

Il capodoglio bianco di Melville.

E se Moby Dick non fosse stata pura invenzione?

   Sull’isola di Mocha, un’isola cilena nella provincia di Arauco sull’Oceano Pacifico, sono stati ritrovati i resti, ancora ben conservati, di un gigantesco capodoglio bianco. L’enorme cetaceo, del peso stimato di 240.000 Kg, è stato scoperto per caso da alcuni turisti e potrebbe essere il leggendario Mocha Dick: il capodoglio che ispirò Melville.

 

Nel corso di una gita alcuni turisti americani si sono ritrovati di fronte a quella che sembrava una scultura realizzata con la sabbia; la balena, bianca e rugosa, era emersa dal paesaggio circostante forse a causa del forte vento degli ultimi giorni. Le fotografie hanno rapidamente raggiunto i social mentre, dopo un primo esame, sembra che il “grosso pesce”, come l’ha definito il sindaco della vicina provincia di Arauco, sia rimasto lì ben conservato dal freddo, dal sale e dalla sabbia per almeno trent’anni.

Sul dorso della grande balena bianca sono stati trovati degli arpioni con la punta d’avorio e una lama di metallo come si usava ai tempi di Melville e andati in disuso alla fine del 1800.

Herman Melville: da Mocha Dick a Moby Dick passando per l’Essex.

Come molti sapranno Herman Melville ebbe molte esperienze come marinaio e come baleniere sull'Acushnet.

Lo scrittore salpò per il Sud Pacifico con la baleniera il 1º gennaio 1841 dal porto di New Bedford nel Massachusett. Nella testa dell’autore di Moby Dick oltre alle sue esperienze, sarebbero però entrate anche altre due storie, pure queste strettamente connesse fra loro: il dramma del naufragio della Essex e la leggenda di Mocha Dick.

Il Naufragio della Essex e Moby Dick.

Il giovane marinaio Melville incontrò per caso in un porto un marinaio di nome William Henry Chase, figlio di Chase Owen uno dei pochi sopravvissuti al naufragio della Essex provocato da una grande balena nei mari del Sud Pacifico nel 1820.

   La Essex era partita nel 1819 da Nantucket, un porto notissimo per la sua flotta baleniera (da qui “salperanno” il Pequod di Melville e il Grampus di Edgar Allan Poe).

Mentre nella storia di Moby Dick la lotta con il gigantesco cetaceo è l’apice, nell’Essex si può dire che lo scontro sia stato un episodio importante, certo, ma che le sfortune peggiori per i marinai siano avvenute proprio dopo l’affondamento della baleniera.

L’Essex, giunta nel Pacifico del sud, individuò tre capidogli: dopo mesi di sfortunate ricerche dovettero sembrare una grande occasione. Il capitano George Pollard fece quindi calare le tre scialuppe per iniziare la caccia che si rivelò subito una scelta avventata. Agli inizi del 1800 la caccia alle balene comportava sempre molti rischi e proprio come non sempre il torero vince nell’arena, ancor meno i balenieri erano certi di riuscire nella loro caccia (a quei tempi… oggi con le gigantesche navi laboratorio, purtroppo non c’è scampo per le balene). Sta di fatto che uno dei tre capidogli, un grosso maschio bianco, prima affondò la scialuppa che aveva iniziato la caccia, poi scaricò la sua furia inseguendo i marinai alla nave, affondando anche questa.

Per l’equipaggio con pochi viveri e molto lontani sia dalla costa sia dalle rotte più seguite, iniziò un lungo errare. Nel tentativo di raggiungere le coste del Sud America distanti oltre 3700 chilometri molti morirono e per quelli che sopravvissero, solo in cinque, ci fu la scelta del cannibalismo dei propri compagni.

Fra i sopravvissuti vi fu Chase Owen che ne scrisse la storia alla quale anche Ron Howard si è ispirato e ha tratto il suo ultimo film ( io continuo a ricordarlo nel telefilm Happy Days).

La leggenda di Mocha Dick, Moby Dick e Melville.

Mocha Dick era un’enorme balena bianca diventata tanto famosa che la rivista Knickerbocker Magazine la descrisse nelle sue pagine più o meno così: "questo famoso mostro, è uscito fuori vittorioso in centinaia di combattimenti con i suoi inseguitori... per effetto dell'età, o più probabilmente, di uno scherzo della natura, è bianco come la lana! ... Numerose barche sono state frantumate…".

L'enorme balena era invitto, ma non invulnerabile: aveva sul dorso arpioni e funi che trascinava con sé… La sua leggenda era così parte della vita dei balenieri che questi salutandosi nei porti si chiedevano: “Ci sono novità su Mocha Dick?"

Naturalmente fra le due storie non è mai stato provato il collegamento, ma quanti enormi cetacei bianchi ci potevano essere nel Sud Pacifico?

Anzi fra le tre storie... non dimentichiamo che vent’anni dopo anche Herman Melville avrebbe attraversato quelle stesse acque! Avrà incontrato Mocha Dick?  Sul suo viaggio o, per meglio dire, sul suo lavoro a bordo dell’Acushnet le notizie sono davvero scarse per non dire inesistenti.

Ora un altro dubbio sorge spontaneo: può una balena vissuta agli inizi del 1800 essere ritrovata ora? Questo enorme cetaceo può essere Mocha Dick alias Moby Dick?

Un tempo ad esempio si riteneva che le balena della Groenlandia, come altre balene, vivessero fino a 60 o 70 anni. Ma Jeffrey Bada (della Scripps Institution of Oceanography di La Jolla, in California) ha fatto alcuni esami utilizzando l’acido aspartico per la datazione dei reperti e i risultati su alcune balene furono che: una aveva 91 anni, una 135, una 159, una 172, e la balena più grande aveva 211 anni al momento della sua morte!

A volte fantasia e realtà si inseguono e confondono la storia… però… devo dire, anzi confessare...

Ora giunto a buon punto di quest’articolo devo confessare che il ritrovamento della balena (solo la notizia, naturalmente) è un piccolo scherzo, un pesce d’Aprile, un primo di Aprile e naturalmente… non c’è stato!  

Chiedo scusa per lo scherzo di primo Aprile, ma porto a mia giustificazione due punti con i quali spero di evitare il linciaggio morale.

Il primo è che ormai una tradizione internazionale, anche per testate storiche, fare pesci d’Aprile e una balena, come fa dire Melville in Moby Dick, per forma, comunque è un pesce…

I Pesci d'Aprile 

Certamente, per quanto pieno di articoli molto belli questo blog, non voglio peccare di immodestia paragonando, con questo scherzo, Caffebook.it a testate ben più famose come la BBC che ad esempio nel 1957 diffuse la notizia di un eccezionale raccolto di spaghetti nel sud della Svizzera, “dovuto principalmente a un inverno mite”.

Quella volta il pubblico seguì un servizio di tre minuti in cui il noto speaker Richard Dimbleby discorreva del raccolto di spaghetti mentre una famiglia svizzera estraeva la pasta dagli alberi degli spaghetti. Il risultato fu che la BBC ricevette molte chiamate da spettatori che volevano coltivare spaghetti.

   La seconda è che questo scherzo d’Aprile è stato un modo per viaggiare nella fantasia e nella storia di un grande scrittore: Herman Melville e nella genesi del suo romanzo più famoso.

Ora, naturalmente, anche se non sono un poeta, vorrei chiedere un favore in rima, per continuare un po’ lo scherzo, a quanti hanno letto fin ora. Spero di non inorridire troppo con il mio poco talento chi delle tecniche di questo modo di scrivere fa o ha fatto un’arte e alta letteratura:

Una cortesia chiedo a lor signori

Se nei commenti esternate là fuori.

Troppe parole non lasciate fuggire

Che la trama non si può dire

Se uno scherzo tale vuole restare

La sorpresa non può mancare.

Inchino.

 

(foto da whaleoil.co.nz, wikipedia.org)


  04  Ago  2016 ,
Roberto Roverselli

 Direttore responsabile di CaffèBook. 

Giornalista iscritto all’albo (Odg. Toscana)

Coautore del documentario sulla crisi economica Eterna. 

Devi effettuare il login per inviare commenti