Skype Caffebook

Cultura

L’anello di re Salomone

L’anello di re Salomone

Narra una leggenda che Re Salomone avesse un anello che gli permetteva di parlare con gli animali e capirne il linguaggio. Un etologo austriaco, Konrad Lorenz, premio Nobel per la medicina e la fisiologia nel 1973, ha scritto un bellissimo libro dal titolo L'anello di Re Salomone. Anche senza quello strumento lo zoologo è riuscito a tradurre il comportamento animale raccontando in maniera semplice e divertente gli studi che lo hanno portato a vincere un premio così prestigioso.

 

Mi è capitato di leggere un'altra storia che parla di un anello che però non traduce la lingua degli animali. Al pari di quello di Salomone è magico perché aiuta a leggere e a fare chiarezza dentro di noi, comunicando alla nostra anima.

Un giorno un discepolo andò dal Maestro con un problema: «Mi sento una nullità perché dicono che sono un buono a nulla, che non faccio niente bene, che sono un idiota. Aiutami a trovare il modo per migliorare. Cosa posso fare perché mi stimino di più?»

«Ora non posso aiutarti» gli rispose, «perché devo risolvere un problema personale. Aiutami e forse dopo mi rimarrà del tempo per te».

Il ragazzo assentì, anche se si sentì mortificato.

«Prendi questo anello, monta a cavallo e vai al mercato. Devi venderlo perché ho un debito da pagare. Occorre ricavarne il più possibile. Ma non accettare meno di una moneta d’oro».

Appena giunto al mercato il giovane cominciò a offrire l’anello ai mercanti che osservavano con interesse finché non ne enunciava il prezzo. Quando veniva menzionato il corrispettivo di una moneta d’oro alcuni ridevano e altri se ne andavano senza nemmeno rispondere. Solo un vecchio fu abbastanza gentile da spiegargli che una moneta d’oro era un prezzo troppo alto. Ci fu chi offrì una moneta d’argento e una coppa di rame, ma il giovane seguiva le istruzioni di non scendere al di sotto di una moneta d’oro e rifiutò ogni proposta.

Alla fine della giornata, abbattuto dal fallimento, salì a cavallo e ritornò. Rimpiangeva di non avere il denaro per comprare egli stesso l’anello, liberando così dalle preoccupazioni il Maestro e riceverne i consigli.

Entrato in casa esclamò: « Maestro, mi spiace tanto, ma è impossibile ottenere quello che mi hai chiesto. Forse potrei ricavare due o tre monete d’argento, ma non si dovrebbe ingannare nessuno sul valore dell’anello».

Il Maestro sorrise: «è importante quel che dici. Dobbiamo sapere il valore esatto dell’anello. Monta sul cavallo e vai dal gioielliere a farlo stimare ma non venderlo e riportalo subito da me»

Il gioielliere esaminò il monile con una lente, lo pesò e rivelò che valeva cinquantotto monete d’oro.

«Cinquantotto monete d’oro?!?» esclamò stupito il ragazzo.

«Sì, e se il tuo maestro non avesse fretta di venderlo potrei arrivare anche a settanta!».

Il giovane corse emozionato a casa per raccontare quel che era successo ma il saggio lo invitò a sedersi e gli spiegò:«Tu sei come questo anello, un gioiello unico e prezioso che può essere valutato solo da un esperto. Credevi che persone qualsiasi potessero scoprire il suo vero valore?»

E si rimise l'anello al dito.

Vi è mai capitato d'incontrare persone che criticano modalità e oggetti delle vostre scelte, i risultati ottenuti, le strade percorse o che si intende calpestare? Individui che amplificano gli eventi negativi attribuendone la non perfetta riuscita a vostre carenze o incapacità?

Certe volte, se non si raggiunge un obiettivo, accade semplicemente perché non era adatto a noi e non perché "non ce lo meritassimo": il meglio per noi potrebbe aspettarci dietro l'angolo o dietro un paio di angoli... una via è stata preclusa solo perché altre migliori ci attendono.

Altre volte i limiti personali degli individui portano a parlare male di quel che loro nemmeno riescono ad avvicinare...

In queste situazioni i consigli sono di non lasciarsi toccare dalle critiche, facendosele scivolare addosso, ma non è facile, soprattutto quando l'apparente sconfitta brucia e si affronta il dispiacere di non poter realizzare qualcosa a cui si teneva e senza cui si credeva di non poter andare avanti.

La delusione fa apparire una sconfitta: ci ritroviamo spiazzati dopo aver concentrato attenzioni, energie e aspettative. Le frasi negative non aiutano ma aumentano disagio e smarrimento poiché le nostre convinzioni devono essere riaggiustate e le destinazioni risistemate.

Dicono che non possiamo lasciare agli altri il potere di renderci felici o infelici, ma in quei momenti è difficile non essere influenzati.

La conclusione elaborata dal Maestro aiuta in questi frangenti.

Le persone sono come il gioiello del racconto: uniche e preziose. A ognuna di loro è stata regalata una qualità che deve scoprire, coltivare e sviluppare. 

Nel mercato della vita pretendiamo che soggetti inesperti ci valutino.

Solo Colui che ha attribuito quei doni conosce il nostro vero valore.

Gli altri danno una personale valutazione su quella che è la nostra vita, i nostri comportamenti, le nostre scelte, le nostre azioni, il nostro modo d’essere… E noi viviamo la vita oscillando tra gioia e tristezza a seconda del giudizio che altri ci danno.

Invece di subire l'esistenza interpretata dagli altri bisogna imparare a vivere quella per cui siamo “portati” senza permettere che le emozioni vengano influenzate da estranei che non ci conoscono.

Solamente la nostra Anima è in grado di sapere quanto valiamo e ciò che è adatto a noi. Basta sintonizzarsi sulle sue lunghezze d'onda e scoprire le nostre qualità...

 


  anello , valore
  16  Gen  2016 ,
Paola Iotti

Paola Iotti

Scrittrice. Appassionata lettrice che si è trasformata in scrittrice grazie alla sensibilità degli animali a cui cerca di dare voce, come a persone e argomenti talvolta posti a margine dall'odierna società.

  I suoi Articoli                Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

 

Devi effettuare il login per inviare commenti