Skype Caffebook

Cultura

Groucho Marx, biografia di un comico irriverente

Groucho Marx, biografia di un comico irriverente

"Sono nato ad un’età molto precoce" dichiarò in Groucho e io, la sua autobiografia, Groucho Marx.

L’autobiografia racconta i tre principali interessi di quello che è stato considerato il più grande comico del ventesimo secolo:

la famiglia, la commedia e le donne.

Una volta disse che, partendo da niente, era riuscito a raggiungere la miseria assoluta, ma la sua vita è stata una scalata all’Olimpo che ha reso il nome Marx uno dei più amati negli Stati Uniti... e tutto senza essere marxista, magari un po’ anarchico e certamente irriverente.

Il passaggio del suo nome che da Julius Henry diventò Groucho contiene già una certa dose di humor.

Groucho Marx

In famiglia sapevano che un parente, lo zio Julius, era molto ricco e per ingraziarselo, sperando nell’eredità, gli posero il nome. Quando lo zio scomparve scoprirono che tutti i beni consistevano "in una palla da biliardo (rubata), una scatola d'argento per pillole e un fronte di celluloide ". Normale che Groucho abbia poi preferito il soprannome...

Era nato il 2 ottobre del 1890 a New York, con il nome appunto di Julius Henry Marx, terzo dei cinque figli di una famiglia di emigrati ebrei franco-tedeschi guidati soprattutto da Minnie, sua madre, autentica forza creativa dei Fratelli Marx.

La madre, che secondo Groucho era giunta “alla conclusione che il modo migliore di sfondare in teatro era non già di lanciare un figlio alla volta, ma fare un lancio all’ingrosso”, discendeva da una famiglia di artisti di vaudeville e incoraggiò alla carriera scenica i suoi cinque i figli sperando potesse essere un mezzo per uscire dalla miseria.

Dalla sua carriera artistica ottenne anche premi come quello di Commendatore dell'Ordre des arts et des lettres, un Emmy o come, nel 1974, il Premio Oscar alla carriera.

"Quando ero molto giovane, volevo essere un medico, ma in seguito desideravo fare lo scrittore ", qualcosa che sarebbe accaduto molti anni più tardi, disse un Groucho ottantenne a Charlotte Chandler, che stava scrivendo la sua biografia Hello, I Must Be Going: Groucho and His Friends.

L'infaticabile Minnie riuscì a preparare il futuro artistico familiare incominciando da Harpo, Chico, Zeppo e Gummoen inserendoli in alcune compagnie e i suoi figli, con il loro humor irriverente, riuscirono a trasformarsi in stelle di Broadway e poi del cinema già alla fine degli anni 20.

In quel momento, Groucho: cappotto, occhiali falsi e enormi baffi dipinti, era già diventato quello che ormai tutti conosciamo;

compreso di loquacità e talento per le barzellette mordaci, che mormorava mentre fumava un sigaro enorme.

Pronunciava le sue battute anche nella vita reale, indifferente al fatto che potessero essere offensive. In Messico, ad esempio, gli dissero che il giorno seguente avrebbe incontrato il Presidente alle tre e per tutta risposta disse: “E chi mi garantisce che sarà ancora Presidente domani alle tre?

Un altro episodio molto noto fu quando all'invito ad unirsi ad un club esclusivo, il Friars Club di Beverly Hills, rispose con un intelligente "non voglio appartenere a nessun club che accetta persone come me come membro".

Ma l’aneddoto che più riflette perfettamente il suo carattere irriverente fu quello di ballare sul bunker in cui Adolf Hitler si suicidò.

Nell'estate del 1958 Groucho viaggiò in Germania per visitare il Paese di origine della madre di famiglia ebraica.

Il comico insistette per poter visitare il luogo della morte del dittatore nazista. Giunto sul posto, salì sui sei metri di altezza di detriti a cui il rifugio era ridotto e cominciò un gioioso charleston terminato il quale rientrò in albergo per lasciare il Paese tedesco il giorno dopo.

La carriera cinematografica di Groucho Marx

La Paramount aveva seguito i successi teatrali dei fratelli e offrì loro un vantaggioso contratto per cinque pellicole. Sia la registrazione dello spettacolo Il ladro di gioielli (1929), sia i film riscossero un discreto successo.

Così girarono Animal Crackers, Monkey Business - Quattro folli in alto mare (1931), Horse Feathers - I fratelli Marx al college (1932) e La guerra lampo dei Fratelli Marx (1933).

La Paramount dopo l’ultimo film perse interesse per i comici però…

I Fratelli Marx

"Credo che allora ci fosse un certo numero di geni, ma io ne ho incontrato uno solo. Il suo nome era Irving Thalberg", ammise Groucho sul produttore che li reclutò per gli studi MGM.

Thalberg non solo ingaggiò Groucho e i suoi fratelli, ma dotò di contenuti l'atmosfera anarchica, irriverente e folle che i Marx creavano e realizzò dei classici come Una notte all'Opera (1935), che Groucho stesso considerò sempre il suo film preferito.

Il cinema, però, non lo salvò dal disastro del mercato azionario del 1929 e neppure i suoi tentativi di prosperare sulla radio funzionarono.

Questo gli fece temere che il suo destino fosse come quello di Margaret Dumont, la sua indimenticabile compagna in sette film della quale disse che era stata "una gran dama, che morì senza un centesimo". La stima e il rammarico per l’attrice non impedirono a Groucho di raccontare il segreto della loro buona “chimica”: "non ha mai capito le battute".

Fu la televisione che, con il ruolo di presentatore nella trasmissione You Bet Your Life, trasformò Groucho, in una leggenda vivente adorato dal pubblico e dai comici come Woody Allen, al quale rivolse pure una critica: "Mi attribuisce sempre delle frasi che non ho mai detto".

Ma con Woody Allen ci fu un bel rapporto di stima che lo spinse a dire in un'intervista con il critico cinematografico Roger Ebert : "Dicono che Allen ha preso le cose dai "Fratelli Marx", non ha preso nulla, forse 20 anni fa si è ispirato, ma oggi è originale, il migliore e il più divertente".

Mentre le attribuzioni, più o meno vere, lo inseguiranno fino alla sua morte che avvenne di polmonite il 19 agosto 1977, tre giorni dopo la fine del re del rock Elvis Presley... per questo la sua scomparsa passò un po’ in secondo piano.

Una di queste è il presunto epitaffio "Perdonatemi se non mi alzo", perché la banda nera che copre la nicchia include solo il tuo nome, le date di nascita e di morte e una stella di David.

Né c’è l’epitaffio che, secondo Chandler, Groucho aveva pensato per la sua tomba: "Non ho mai baciato una brutta ragazza".

 

Groucho Marx, una carriera letteraria

Secondo come aveva dichiarato, la vera vocazione di Groucho era la scrittura della quale disse: "È lo stesso di improvvisare sul palco, ma con carta e matita".

Iniziò a pubblicare libri divertenti come Letti, Many Happy Returns, Groucho e io, Memorie di un irresistibile libertino, Le lettere di Groucho Marx.

Con il solito humor affrontò anche la carriera letteraria raccontando:

Non ci volle molto perché gli editori facessero la fila per la mia prima opera. Dissi al primo arrivato che stavo scrivendo di un argomento caro al cuore di chiunque. Il mio primo libro, lo informai, si sarebbe intitolato "Letti". E poi sollevai le sopracciglia in maniera significativa »

Nei suoi 86 anni di vita, Groucho non solo partecipò a 26 pellicole, ma coltivò il suo gusto per la letteratura scrivendo una mezza dozzina di libri e intrattenendo rapporti intellettuali e amicizie con romanzieri come T.S Elliot o Carl Sandburg.

Groucho Marx e il matrimonio

Ai suoi successi, Groucho Marx, alternò complicati rapporti affettivi. Si sposò tre volte, con Ruth Johnstone, Kay Marvis Gorcey e Eden Hartford, ed ebbe tre figli, Arthur, Miriam e Melinda.

E tutto questo nonostante si fosse sempre mostrato un po’ scettico su questo tipo di unioni: "Il matrimonio è la causa principale del divorzio", era un'altra delle sue battute più famose.

E alla fine Groucho “svelò” anche un profondo segreto della vita: "Il segreto del successo è la sincerità e l’onestà. Se sei capace di simulare questo, è fatta!", naturalmente anche questo con il suo humor irriverente e un po’ acido.

Leggi anche:

Bernini, Apollo e Dafne: osservazione di un capolavoro

Philippe Halsman: la sorpresa e il genio come stile di vita

Interpretazioni da favola 


Roberto Roverselli

 Direttore responsabile di CaffèBook. 

Giornalista iscritto all’albo (Odg. Toscana)

Coautore del documentario sulla crisi economica Eterna. 

Devi effettuare il login per inviare commenti