Skype Caffebook

Cultura

Philippe Halsman: la sorpresa e il genio come stile di vita

Philippe Halsman: la sorpresa e il genio come stile di vita

Un percorso pieno di successi basati sulla più pura creatività: Philippe Halsman. Se non hai visto le tue foto… jumpology qui!

Articolo originale Philippe Halsman: La sorpresa y el ingenio como estilo de vida di Amalia Hoya per MoonMagazine, tradotto da CaffèBook.

Philippe Halsman è un fotografo americano (1906-1979) nato a Riga (Lettonia) in seno ad una ricca famiglia ebrea.

Philippe Halsman con Macchina Fotografica

Halsman ha studiato ingegneria a Dresda, ma uno sfortunato incidente gli ha distorto il destino e cambiato la vita.

Aveva 22 anni quando faceva un'escursione sulle Alpi austriache in compagnia di suo padre che lasciò indietro perché camminava molto lentamente.

Allarmato dal vedere che suo padre non arrivava, tornò sui suoi passi per cercarlo e lo trovò morto.

La mancanza di prove per sapere cosa fosse successo insieme all'antisemitismo in rapida ascesa in Austria negli anni '20 portarono Halsman ad essere accusato di parricidio e condannato a diversi anni di carcere.

Sconta solo due anni di pena perché la sua famiglia, ben relazionata all'interno della comunità ebraica, chiede aiuto a Thomas Mann, Sigmund Freud e ad Albert Einstein che esercitano abbastanza pressione per farlo liberare.

Philippe, tuttavia, deve andare in esilio a Parigi dove il ministro degli esterni gli offre asilo.

Dei suoi primi anni a Parigi sappiamo solo che il figlio del ministro gli regalò la sua prima macchina fotografica, una Kodak da 9 × 12 che Halsman lasciò i suoi studi di ingegneria e iniziò a scattare fotografie.

Dimostra immediatamente la sua originalità in una delle sue prime fotografie ad alcuni giocatori di golf, dove vi appaiono solo i bastoni e le ombre dei giocatori.

Un punto di vista estremamente innovativo in un'epoca in cui la fotografia era solo uno strumento che serviva a registrare fatti di vita quotidiana o di cronaca sociale.

Ma siccome la fotografia artistica non permette certo di vivere bene, Philippe Halsman presto si afferma come fotografo ritrattista e pubblicitario, realizzando servizi per una fabbrica di estintori, per lo zoo di Parigi e per un club per le immersioni subacquee, così come fotografie promozionali per gli attori (precursori degli attuali books).

In quel periodo Halsman utilizza anche gli attori e i vagabondi parigini per eseguire degli studi di espressione facciale che lo aiuteranno a catturare meglio la psicologia nei suoi ritratti e che in seguito gli serviranno per creare un libro con più espressioni facciali in risposta a una serie di domande fatte all'attore Fernandel.

Lavora anche come fotografo di moda freelance per le riviste Vogue e Harper's Bazaar e realizza alcune copertine per il quotidiano Le Monde.

Le sue foto sono diverse: Halsman cerca sempre una inquadratura originale, gioca con le luci e le ombre, utilizza spesso gli specchi che lo aiutano a creare immagini distorte o misteriose e addirittura inverte le fotografie nel positivo.

Per lui la fotografia è un'arte e un gioco divertente ed è per questo che cerca costantemente di influenzare, sorprendere, provocare la curiosità dello spettatore.

Negli anni Trenta il Surrealismo è in forte espansione a Parigi e presto la creatività di Philippe Halsman cattura l'attenzione del gruppo.

André Breton entra in contatto con il fotografo e il movimento lo accoglie e sostiene i suoi esperimenti permettendogli di esporre a La Pléyade, la galleria utilizzata da questo movimento artistico.

La mostra è intitolata: Volti vicini e in essa appaiono anche personaggi famosi come Le Corbusier, André Guide, Chagall, Malraux... attori famosi e modelle bellissime.

In tutti questi ritratti, Halsman riesce a mostrare chiaramente il profilo psicologico del soggetto ritratto, collocandolo nel contesto della sua attività come nel caso di Bobby Fisher con la scacchiera, oppure rilassando il modello con l'inserimento di una sigaretta o di qualsiasi altro oggetto.

In una Parigi aperta a tutti i tipi di innovazioni, richiama potentemente l’attenzione l'originalità dei suoi scatti, con le inquadrature eccessivamente vicine al modello o l’utilizzo di soggetti ritratti solo parzialmente e in modi differenti. La mostra è un successo.

Philippe Halsman Bobby Fisher Philippe Halsman surrealismo

Nel 1940, Philippe Halsman va negli Stati Uniti con l'aiuto di A. Einstein, costretto dall'arrivo dei tedeschi a Parigi.

Si stabilisce a New York e, grazie al suo curriculum, presto comincia a lavorare per la rivista Life arrivando a realizzare oltre 100 copertine di grande effetto, non solo per la diversa impronta estetica con la quale presenta i suoi modelli, ma anche perché utilizza una fotocamera di grande formato progettato da lui, sfruttando le proprie conoscenze ingegneristiche.

La sua fotocamera aveva un doppio obiettivo che gli ha permetteva di allineare perfettamente le immagini e di realizzare dei negativi più grandi con i quali ottenere scatti di una maggiore nitidezza.

La fotocamera sarebbe poi stata commercializzata in seguito dalla Fairchild Corporation sotto il nome di Halsman-Fairchild.

Dopo alcuni anni Philippe Halsman si trasferisce a Hollywood dove ritrae attori, attrici, registi e altre celebrità del momento come musicisti o sportivi, con grande originalità e inventività.

Realizza anche dei manifesti per film e copertine di libri usando ogni tipo di trucco per ottenere l'effetto desiderato, ad esempio, in una foto presa a Alfred Hitchcock per la promozione del suo film Gli uccelli, un filo molto sottile, appena percepibile, lega l'uccello al sigaro.

Philippe Halsman Hitchcock

A Hollywood incontra Marilyn Monroe, che cominciava la sua carriera come attrice e diventano grandi amici. Philippe la fotografa costantemente e in ogni ambiente possibile.

Con Marilyn, Halsman inizia la sua famosa serie jumpology che consisteva nel far saltare ai suoi modelli.

Secondo lui:

"il salto è un'esplosione di energia dove il modello non può controllare le proprie espressioni né i suoi muscoli, la maschera cade e il modello smette di posare mostrandosi per ciò che è veramente".

 Philippe Halsman Marilyn Monroe

Philippe Halsman, Marilyn Monroe

Philippe Halsman, Gene Kelly

Philippe Halsman, Gene Kelly

Alcuni di questi salti fatti da Marilyn Monroe saranno sulla copertina di Life dopo di che tutti desidereranno saltare.

Tra il 1950 e il 1959 scatta circa duecentocinquanta fotografie di salti a famose celebrità di Hollywood e persino a personalità politiche come al presidente Nixon o al duca di Windsor e a sua moglie.

La serie più sorprendente di fotografie che Halsman ci ha lasciato corrisponde a quella realizzata nei suoi quasi quarant'anni di amicizia con il pittore Salvador Dalí.

Nel 1941 Halsman deve fotografare per la rivista Life, i costumi che Dalì aveva progettato per l’opera Laberynth che i Balletti Russi dovevano rappresentare al Metropolitan Opera House di New York.

Si generò rapidamente tra i due artisti una forte empatia che li fa lavorare per anni. Entrambi avevano lasciato l'Europa a causa della guerra, amano Parigi, li affascina il simbolismo, vivono della notorietà e sono pieni di idee...

Insieme sviluppano una creatività senza limiti in più di cinquecento fotografie che testimoniano i loro incontri nel corso degli anni.

Philippe Halsman sviluppa nelle sue fotografie le idee surrealiste che vengono a Dalí

che assicura, ad esempio, di essere nato all'interno di un uovo: Il fotografo raccoglie l'idea e realizza un fotomontaggio dove si può vedere Dalí all'interno dell'uovo.

Halsman è affascinato anche dai baffi di Dali, che per il pittore sono la sua più grande creazione, e gioca con loro, includendoli nei contesti più svariati scattando innumerevoli foto che più tardi raccoglie in un libro intitolato di Dalí’s Moustache.

Philippe Halsman utilizza attrezzi artigianali e rudimentali per realizzare queste foto surrealiste e fa dei collage tagliando e incollando, scattando in infinite sessioni.

Philippe Halsman Salvador Dalí

Nella serie dei gatti con acqua usa una gru per sollevare i modelli e alcuni differenti trucchi in cui usa, acqua, latte e farina come per la fotografia Dalí Atomico. Arriva persino a scaldare e deformare i negativi per ottenere le foto degli orologi daliniani…

Dalì e Halsman sono due personaggi che appartengono allo stesso universo e i due si divertono e giocano insieme.

Con le sue fotografie Philippe Halsman ha trasmesso un messaggio nel quale l'originalità e la creatività possono essere mostrati senza l'aiuto di sofisticati mezzi come le fotocamere digitali o il foto ritocco che abbiamo oggi perché il talento permette di sviluppare idee che superando le limitazioni tecniche.

Articolo originale Philippe Halsman: La sorpresa y el ingenio como estilo de vida di Amalia Hoya per MoonMagazine, tradotto da Roberto Roverselli per CaffèBook.

Leggi anche:

Omaggio a Dario Fo

Donne e libri: Le prime donne nella storia in biblioteca

Lo stile Marilyn, come nasce un’icona


  13  Set  2017 ,
MoonMagazine

MoonMagazine è una rivista ludico-culturale che ha come obiettivo avvicinarti alla cultura attraverso una visione umana e ludica in uno spazio multi artistico. In MoonMagazine vogliamo raccontarti delle storie e che tu le racconti a noi. Desideriamo che tu partecipi, commenti e che ci racconti quali sono le tue preferenze artistiche.

 

 

Devi effettuare il login per inviare commenti