Skype Caffebook

Cultura

John Myatt, la Gioconda in un occhio e il falso d’autore

John Myatt, la Gioconda in un occhio e il falso d’autore

Ogni buon contraffattore ha in sé stesso una precisione superiore a quella dello stesso artista che copierà.

È dimostrato, non come una certezza scientifica, ma estetica.

Perchè ogni buon falsario di opere d’arte ha un sogno e i sogni... quelli non falliscono.

John Myatt e la Gioconda

Lo scopo di copiare un Picasso, un Matisse, un Modigliani, un Van Gogh, un Cézanne... è quello di ottenere l'estasi assoluta che si raggiunge quando la copia diventa un pezzo indistinguibile dall'originale.

Accade raramente, ma se arriva per il contraffattore è il visto alla consacrazione.

Ci sono professionisti del falsificare così persi nella loro passione che correggono le imperfezioni e gli errori delle vittime.

Non è che aggiungano più talento, ma più precisione.

In Spagna la chiamano l'arte della birlibirloque: qualcosa come inganno e furto messi insieme ed eseguiti con astuzia e molta abilità.

Picasso fu un po’ un maestro, per estro e non per mestiere, di quest’arte che è propria della falsificazione d’autore.

Capitava che rifiutasse di firmare alcune delle opere che l’acquirente gli portava al laboratorio per autenticarle. Non era perché dubitasse della sua paternità su quelle opere, ma perché non gli piacevano più.

Si trattava di quadri e lavori che erano stati acquistati direttamente da lui in uno dei suoi studi, quindi sicuramente suoi... E quando l’acquirente si lamentava, Picasso rispondeva con una delle sue classiche affermazioni disarmanti:

"Non ho alcun dubbio sul fatto che è mio, ma anche io amo dipingere dei falsi Picasso".

Di falsi d’autore saliti alla ribalta della cronaca ce ne sono stati, ma la copia della Gioconda realizzata da John Myatt è molto particolare

Il suo quadro, per ora presso la Galleria di Londra Trinity House Paintings, va all'asta per 1,1 milioni di euro: un valore che non è... contraffatto.

La replica è un’insolita copia de "La Gioconda" in cui Myatt ha incorporato, nella pupilla, una piccola seconda replica della pittura di Leonardo fatta da Willard Wigan.

Il britannico Myatt, 72 anni, era stato condannato a un anno di carcere nel 1999 dopo aver falsificato più di 200 opere di Picasso, Renoir, Matisse e di altri grandi pittori, riusciendo a farle promuovere in prestigiose case d'aste.

Dalla sua condanna, questo ex insegnante d'arte si è dedicato alla creazione di ciò che definisce "falsi genuini", presentandoli alle mostre e dichiarando, con orgoglio nel suo sito web, di "aver partecipato alla più grande frode artistica del Regno Unito".

La miniatura, meno di un millimetro quadrato, è opera di Wigan, 60 anni, abituato a eseguire sculture e dipinti che posso stare in una capocchia di spillo o incastonate nella cruna di un ago.

La raccolta di tutte le sue opere si potrebbe inserire nello spazio di un centesimo e comprende, fra altri pezzi stravaganti, una scultura incisa su un unico granello di sabbia.

D'ora in avanti, una cosa è certa, la Monna Lisa oltre ad avere un sorriso enigmatico avrà anche uno sguardo imperscrutabile.

Articolo John Myatt, la Gioconda in un occhio e il falso d’autore inviato da Marcello Gracis artista e artigiano su CaffèBook (caffebook .it)

Leggi anche:

Loving Vincent 65000 dipinti sulle tracce di Van Gogh

Una ballata del mare salato: come nasce una leggenda

L’edera, per essere belle sotto il sole d’estate


  24  Ago  2017 ,
Informazione e Cultura

Articoli di informazione su:

società, cultura arte, mestieri,

recensioni, gusto, cucina,

eventi, manifestazioni e festival

esperienze personali ed esperti

 

 

     

 

 

.

 

Devi effettuare il login per inviare commenti